I Mondiali 2014 spingono lo sportswear

Prospettive di crescita per Adidas, Nike e Puma
Proseguono le partite della Coppa del Mondo 2014 e anche oggi Google rende omaggio alla manifestazione calcistica con un doodle a tema dedicato al match Belgio vs Algeria che verrà trasmesso in Italia alle 18.00.

Abbiamo visto che i brand  di lusso hanno reso omaggio alla FIFA World Cup con limited edition ispirate ai colori dello stato padrone di casa, il verdeoro, e a quelli delle Nazionali partecipanti.

Sono però i marchi di abbigliamento sportivo ad avere maggiore visibilità durante la parentesi dei Mondiali: Adidas ha firmato il pallone ufficiale del torneo brasiliano, Puma ha messo il sigillo sulle maglie della Nazionale Azzurra mentre Nike ha scelto di confezionare le divise dei campioni portoghesi.

“Il Brasile possiede un giro d’affari da 11 miliardi dollari per quanto riguarda lo sportswear ed è il quarto mercato più grande al mondo, dopo Stati Uniti, Cina e Giappone – ha detto Alexis Frick, un ricercatore di Euromonitor International, aggiungendo che negli ultimi anni il Paese ha vissuto una tasso di crescita del 14% – qualcosa che i Paesi sviluppati possono solo sognarsi”. Non sorprende quindi che per le case sportive, il Brasile, con una popolazione stimata di 200 milioni, è un campo di battaglia strategico, “e il calcio rappresenta la più grande opportunità per fare affari”.

Se l’obietivo di Adidas è di raggiungere nel 2014 un fatturato di 2miliardi di euro, Nike sfrutterà i Mondiali per spingere i prodotti dedicati al calcio anche in America dove il brand è radicato soprattutto negli sport tradizionali come il baseball e il basket.

Gli 8 marchi che sponsorizzano le 32 Nazionali che partecipano al torneo di quest’anno (Joma, Burrda Sport, Maratona, Lotto e Uhlsport, Adidas, Nike e Puma) spenderanno 290milioni di euro solo per ciò che riguarda le singole squadre, ovvero il 40% in più rispetto ai Mondiali in Sud Africa.

brazuca

Written by Chiara

Andrea Bocelli apre Pitti Uomo 86

London Collections: Men PE 2015, giorno due