I falsi miti sulle modelle: otto cose che non sai sulla vita di una modella

“Voglio essere una top model” è il libro scritto dall’ex top model Daniela Azzone, insider (proprio come la sottoscritta) del mondo della moda. Com’è davvero la vita da modella?

Chi è Daniela Azzone?

Daniela Azzone è una famosa ex top model della fine degli anni ottanta inizio anni ’90. Nella sua carriera dorata ha sfilato per gli stilisti più famosi di sempre: da Valentino a Yves Saint Laurent, da Chanel a Dior. Oggi che ha lasciato le passerelle ed è madre di tre figli, ha deciso di raccontare i suoi 10 anni da top (più o meno dal 1985 al 1993) in un libro dal titolo “Voglio essere una top model”.

daniela azzone

Facciamo chiarezza sui falsi miti sulle modelle

1. È un lavoro difficile, non è un gioco divertente, è un ambiente competitivo e soprattutto molto professionale. Non ci si improvvisa: bisogna studiare.

Molti pensano che fare la modella sia un lavoro semplice e divertente, dettato dalla grazia di Madre Natura. Niente di più falso. Come in tutte le professioni, ( e fare la modella è una professione vera e propria) studiare permette di avere una maggiore preparazione e professionalità rispetto a chi s’improvvisa. La concorrenza è spietata, specialmente grazie ai social, e quello che può fare la differenza è sapere come camminare, come interpretare un certo modello di donna in base al vestito, come indossare ma anche come togliere una giacca durante una sfilata. Per fare un servizio fotografico non basta rimanere ferme davanti all’obiettivo come delle statue, invece è necessario sapere come guardare la macchina fotografica e rimanere in posa; variare di tanto in tanto, non troppo lentamente e non troppo velocemente, a seconda delle istruzioni del fotografo. Attraverso il suo sguardo visionario. Essere pazienti in qualsiasi occasione, senza fare trapelare le proprie emozioni, aspettando che il fotografo trovi l’angolazione o la luce giusta.

2. È fondamentale trovare un’agenzia seria che si impegni a tutelarti, non è un lavoro di improvvisazione, oltre che a farti lavorare.
Internet crea false illusioni: basta realizzare un sito, una pagina Facebook o pubblicare delle foto su Instagram per pensare di essere già delle modelle. Invece, oggi più che mai è necessario affidarsi a dei professionisti per verificare tutte le offerte che arrivano. Evitando così di incorrere in pericoli o situazioni ambigue, soprattutto per le giovanissime modelle che intraprendono questo percorso a soli 17 anni. Un’agenzia di moda seria e certificata ti aiuta a scegliere e ti consiglia cosa è meglio per la tua carriera. Ti garantisce la professionalità dei contratti stipulati, ti tutela in caso di controversie, o semplicemente ti aiuta e supporta nelle problemi che possono insorgere durante il lavoro.

daniela azzone

3. Questo è un lavoro dove la motivazione e la determinazione sono fondamentali: niente ti è regalato!
Il mondo della moda, è inutile negarlo, è un ambiente duro e faticoso. Tutti pensano che si tratti solo di sfilare, viaggiare e indossare abiti magnifici. Non è affatto la realtà. Quando si inizia, ci si rende conto che sono necessari molti sacrifici e una grande forza di volontà. Sicuramente si deve possedere una motivazione forte che ti spinga a non mollare alle prime difficoltà. Innegabilmente è fondamentale una buona base di autostima, che ti aiuti a superare la concorrenza e a dimostrare di valere nel mondo fashion più di altre colleghe.

Altri punti fondamentali che non sai sulla vita di una modella

4. Il cibo e il sole sono “razionati”: Sempre (o quasi): attenzione alla “salute”! Non ne vale mai la pena!

È importante mangiare quasi tutto, sebbene con criterio. Attenzione a non entrare nel circolo vizioso del mondo della moda che vuole ragazze sempre più magre per sfilare. Anoressia e bulimia sono gravi problematiche ancora presenti nel mondo fashion. Sicuramente consiglio di seguire una dieta equilibrata e fare molto sport, in modo da poter soddisfare il palato senza incorrere in incresciose situazioni. Come non reggersi in piedi durante i casting, o al contrario, non entrare nei capi del cliente durante i fitting.
Per quanto riguarda il sole, il divieto è assoluto. Le modelle, soprattutto di alta moda, non possono e non devono abbronzarsi, o peggio, avere i segni dell’abbronzatura! Le truccatici letteralmente ti “sbranano”.

5. Ti può capitare di posare in pelliccia con 35 gradi e di dover far finta che vada tutto benissimo.

Devi essere gentile e sorridere anche al più antipatico dei fotografi. Sicuramente il rapporto con i fotografi non è sempre facile. Può capitare di dover lavorare con persone eccentriche, scorbutiche, che ti trattano male e con le quali non riesci a trovare una sintonia. Ma può anche succedere che si crei un feeling con loro, e che ti facciano sentire perfettamente a tuo agio anche in situazioni di disagio. Come indossare delle pellicce in piena estate o dei bikini in una gelida giornata d’inverno.

“L’umiltà appartiene ai grandi”. In questo caso specifico alle grandi modelle….

6. Bisogna rimanere umili e con i piedi ben ancorati per terra. Le dive hanno vita breve.

La cosa migliore è avere sempre un piano B, anche se può risultare complicato e a volte incompatibile con le tempistiche stressanti degli impegni di lavoro. Questo perché non sai mai quanto durerà la tua carriera: è inevitabile che, prima o poi, arrivi qualcun’altra più giovane a prendere il tuo posto. È  inevitabile. Purtroppo in questo lavoro si inizia e si finisce molto presto. Ma il vero rischio è il successo veloce che, quando arriva, può dare alla testa ed essere difficile da gestire. Per questo motivo è importante avere sempre qualcuno accanto che ti sappia aiutare, suggerire o supportare. La famiglia gioca un ruolo fondamentale in questo percorso, perché quando sei molto giovane “non puoi prendere le decisioni importanti da sola: tendi a vivere il presente, senza vedere il futuro”.

7. Anche se fai la modella… i vestiti te li devi comprare tu la maggior parte delle volte!

Sicuramente quando diventi una modella famosa e riconosciuta i designers con facilità tendono a regalarti abiti e accessori, anche solo per poter dire in giro che tu vesti con quella marca. Come una vera e propria influencer o in questo caso specifico una perfetta “insta-model”. Ma la maggior parte delle volte puoi solo indossare i capi della collezione durante il lavoro o al massimo prendere in prestito alcuni abiti, per poi restituirli il giorno seguente.

daniela azzone

“Attenta agli uomini!”

8. Devi stare più attenta che mai agli uomini: quando sei una modella affermata molti vogliono solo esporti come trofeo. Dopodiché ti abbandonano per una ragazza talvolta molto più “bruttina”. Abituati che la vita dà e toglie. Non si può avere tutto.

L’aspetto fisico di una top model  è da sempre stato motivo di attrazione, ma talora solo per far esporre tale modella dagli uomini come trofeo. Solo per far invidia agli amici, perché bella e desiderabile da tutti. Il mio rapporto con gli uomini non è per niente facile, talvolta a causa della mia  ingenuità nel vedere gli altri puri e sinceri allo stesso modo. Ad oggi mi sento molto maturata sotto questo aspetto, e so difendermi da situazioni, alle volte, fastidiose. Non ho mai creduto alle lusinghe che mi rivolgevano e mi rivolgono alcuni uomini: anche se non nego che a volte sono state, e sono, gratificanti. Perchè si sa, ogni modello o modella che si rispetti, è di base egocentrica!

 

 

 

Avatar

Scritto da valentinabissoli

Frangia Autunno 2019: scegliere quella giusta in base alla forma del viso

7 cose da fare a casa nel tempo libero