Hermès apre a Milano

La boutique della settimana

Finalmente Hermès avrà tutto lo spazio che merita.

Nei giorni scorsi è stata inaugurata la nuova boutique del marchio francese nel cuore del quadrilatero della moda che si sviluppa su una superficie di 600 metri quadri su due piani, esattamente il doppio rispetto alla storica sede di via Sant’Andrea.

Il nuovo store di via Montenapoleone 12, ispirato all’iconico flagship al 24 Faubourg Saint-Honoré di Parigi, vanterà al suo interno tutto il catalogo della maison, dai profumi all’abbigliamento da sci e le bici di lusso, dal prêt-à-porter per uomo e donna agli accessori – scarpe, cravatte, foulard di seta – dai gioielli agli orologi fino a mobili e articoli per l’art de vivre.

La neonata boutique sostituisce, dopo 26 anni, il vicino negozio di via Sant’Andrea, primo store nel nostro Paese nato in concomitanza con la filiale italiana nel 1987 che ha chiuso definitivamente i battenti sabato sera scorso.

La ristrutturazione dello spazio, incastonato in un palazzo neoclassico della via del lusso meneghino, è stata curata dallo studio RDAI (Rena Dumas Architecture Intérieure), sotto la direzione artistica di Denis Montel.

Per festeggiare l’openig, una scultura in cuoio e legno dell’iconico pegaso firmata da Christian Renonciat ha così spiegato le ali sotto le volte dell’ottagono in Galleria Vittorio Emanuele.

Le vetrine, che sono state allestite da Analogia Project, studio italiano a metà tra arte e design, ospitano una serie di prodotti speciali in vendita unicamente nel nuovo negozio milanese, grande icone e nuovi classici della maison rieditati in un inedito “giallo Milano”.

Patrick Thomas e Axel Dumas, copresidenti di Hermés, hanno fatto gli onori di casa al party di inaugurazione, movimentata dalla performance del gruppo Filobolus, atleti danzatori americani e maghi di ombre cinesi, e dallo show di Charles Dumas, celebre disc jockey appartenente alla sesta generazione della famiglia che ha fondato il marchio.

“L’alta selleria, i profumi, i carré in seta e la gioielleria, i raffinati complementi per la casa sono qui riuniti per offrire un’esperienza d’acquisto unica. con il piacere di un bello che si declina anche nell’interior. Alle pareti, ad esempio, troverete preziosi dipinti dalla nostra collezione privata”, ha detto Patrick Thomas.

Come tutte le boutique Hermès nel mondo, il negozio di via Montenapoleone ospita alcune opere d’arte uniche appartenenti alla Collezione Hermès di Fotografia Contemporanea e alla Collezione Émile Hermès come Red Canary #1 (2007) e Love Bird #1 (2008) del fotografo Luke Stephenson e Jockey au paddock (1921) del pittore Jean Raoul Chaurand-Naurac.

Il nuovo spazio Hermes a Milano

Avatar

Written by Monica

Martini celebra i maestri del design

Forbes, gli attori della tv più pagati del 2013