Haute Couture primavera estate 2013, giorno 1

A Parigi, Versace, Dior e Valli
Per chi ne avesse abbastanza di moda maschile, tra Pitti Uomo 83 e le fashion week di Milano, Londra e Parigi, ecco un po’ di tregua.

Dopo giorni dedicati alle tendenze dell’autunno inverno 2013-2014 per il guardaroba dei maschietti, è ora di dedicarsi alla moda femminile con la M maiuscola.

A Parigi, infatti, sono di scena le collezioni haute couture per la primavera estate 2013, e già il primo giorno ci ha regalato diverse emozioni glamour.

Atelier Versace ha portato in passerella tutta l’heritage della griffe: sensualità allo stato puro resa dai capi iconici della maison come i mini dress, gli abiti da sera con tagli, spacchi e trasparenze seducenti, e dall’uso sapiente della pelle e della pelliccia.

I completi mannish sono resi femminili dal lamè o da cuciture in oro 24 carati, mentre le spalle sporgenti riportano alla dicotomia mitologia-spazio, tema portante anche della campagna pret à porter Versace per l’estate 2013 con protagonista la splendida Kate Moss.

Accanto al sexy nero e al blu notte, spazio all’immancabile oro e alle tonalità fluo.

Promosso a pieni voti Raf Simons, da due stagioni alla guida di Dior, che ha preso ispirazione dagli archivi della maison esaltando l’anima più romantica e sognatrice grazie all’uso di tessuti leggeri e delicati.
In passerella – allestita a mo’ di giardino incantato dal paesaggista belga Martin Wirtz – il tailleur bar, l’iconico completo con baschina che si allarga sui fianchi, smoking dall’alta fattura sartoriale, abiti floreali molto femminili ed eterei e gonne a campana.

La tavolozza mescola con raffinatezza rosa e arancio, celeste e blu notte, giallo e beige.

Con Parigi ricoperta di neve, la primavera di Dior non avrebbe potuto essere più allettante.

Giambattista Valli si conferma essere uno dei designer più interessanti del momento. A Parigi ha presentato la sua collezione haute couture per la primavera estate 2013 e in passerella sono saliti capi animalier dalle forme importati e dal mood rinascimentale.

Andata in scena nei saloni dorati dell’Ambasciata d’Italia a Parigi , parola chiave di questa collezione sembra essere sensualità, raccontata però attraverso outfit dal sapore d’altri tempi capaci di regalare alle donne che li indossano un’allure eterea.

Tessuti riflettenti di micropaillettes, colori che sembrano essere stesi a pennellate sui tessuti, giochi di ombre, effetti maculati fino a freschi petali in 3D.

Tra pantaloni nascosti sotto le gonne, abiti corti a clessidra, drappeggi con strascico, cappe di broccato, Valli parla a donne di tutte le età rendendo l’alta moda rock senza rinunciare all’eleganza.

Written by Monica

Carnevale di Venezia 2013

Shakira è diventata mamma