Haute Couture inverno 2013, capelli e make up

Mode à Paris e AltaRoma

Anche questa volta le sfilate haute couture autunno inverno 2013-2014 di Parigi e di Roma ci hanno mostrato abiti da sogno, che presto vedremo indossare dalle celebs sui red carpet più prestigiosi.

Anche il make up e le acconciature viste a Mode à Paris e AltaRoma ci hanno regalato emozioni visive date da una forte sperimentazione, tipica dell’alta moda, ma anche look acqua e sapone quasi virginali a sottolineare l’etereità e la leggerezza degli abiti.

Come per la primavera estate 2013, romantiche trecce e trucco effetto nude per la haute couture secondo Valentino: Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli hanno optato per un trucco impalpabile, fresco e naturale e con delicati raccolti caratterizzati da una riga centrale e da una trecca a mo’ di cerchietto.

Stessa scelta per Giambattista Valli, che ha puntato su un make up dalle nuance neutre e delicate e su un’acconciatura ordinata con un semplice semi raccolto per enfatizzare le coroncine dorate dall’allure regale.

Al contrario Atelier Versace, grazie all’hairstylist Guido Palau e alla makeup artist Pat McGrath, ha portato in passerella una femminilità rock, punk e androgina, con particolare focus sulle ciglia lunghissime, folte e nere e su un raccolto tiratissimo: Naomi Campbell ne è stata la principale rappresentante.

Chanel, invece, ha evidenziato le sopracciglia scurendole (Cara Delevingne docet), ha scolpito gli zigomi con un blush rosato e accompagnato il tutto con una coda di cavallo impreziosita da un fermaglio prezioso.

E se Maison Martin Margiela ha coperto il volto delle modelle con maschere-gioiello, Dior ha optato per labbra illuminate da un rossetto con sfumature glitter e cangianti.

Giorgio Armani, invece, si è ispirato a Il Grande Gatsby puntando quindi su un mood che guarda al glamour degli anni 20 e 30 con acconciature a onde e un trucco dalle tonalità siderali: la pelle è opaca e omogenea, la bocca è colorata per esaltare la tonalità delle labbra e gli occhi sono illuminati con un tratto argento glitterato.

A curare le acconciature, il celebre hairstylist Orlando Pita che ha dichiarato di aver creato “una sorta di caschetto ondulato ispirato agli anni ’20 e ’30, un po’ come nel film ‘Il grande Gatsby’, anche se non in modo letterale”.

Da Jean Paul Gaultier, ecco uno chignon che si eleva sulla testa come fosse una fiamma e sfida la forza di gravità, oppure tattoo animalier stampati sulla chioma.

Il makeup invece ci ha riportato ad un film di Fellini degli anni 60-70 con l’occhio circondato da un tratto marcato di matita nera.

Come sappiamo, il designer francese ha sfilato con la collezione Haute Cauture “La Parisienne”  in qualità ospite speciale anche ad AltaRoma.

Nel Complesso Monumentale di Santo Spirito in Sassia, abbiamo ammirato acconciature con gabbiette per uccellini, viste anche a Parigi e capellini circensi a punta per i quali l’hair stylist Salvo Filetti ha utilizzato un supporto rigido rivestito da capelli del colore identico a quello naturale di ogni modella.

“Un sogno per me, che ero poco più che un ragazzino a fine anno 80: Jean Paul Gautier era il mito assoluto – ha dichiarato Filetti.  – Questo lavoro mi ha permesso di trascorrere con lui alcune ore durante il brief di venerdi e, ancora una volta, ho avuto conferma che i grandi personaggi sono in realtà semplici e rispettosi del lavoro altrui. Avevo con me undici tra i più bravi del mio Artistic Team, tutti emozionati e onorati di questa magnifica esperienza”.

Sempre nella Città Eterna, Raffaele Squillace, make up artist e Francesca Beneduce, hair stylist, invece, hanno creato per la donna Lettieri un look che ricorda l’arte fotografica di Helmut Newton, portando in passerella una donna sexy anche se androgina. Forte, dalla bellezza insolita e attenta al dettaglio come era solito fare il grande artista nelle sue foto d’arte.

Written by Monica

Fracomina a Napoli per sostenere la cultura

Kate Middleton mamma fra poche ore