Hammam, lusso e benessere nel mondo

Tra tradizione e culturaQuando si parla di hammam si evoca un’immagine orientaleggiante, una stanza mosaicata, luogo di ritrovo e di conversazione in cui godere di un bagno di vapore dai molteplici effetti benefici. In realtà, la sua storia ha origini più vicine a noi, nasce dalle terme romane a seguito della caduta dell’Impero nel V secolo d.C. Gli arabi ripresero la tradizione dei bagni riscaldati sintetizzando il ciclo originario. Non più dunque la sequenza tepidarium, calidarium, laconicum, frigidarium ma solo tre sale di abluzione: si inizia da quella molto calda (harara), poi una tiepida, e l’ultima fresca.

Anche se  parlare di hammam rimanda inevitabilmente al bagno turco – quello per eccellenza  si trova a Istanbul -, oggi moltissime strutture del lusso nel mondo dedicano all’interno dei loro resort uno spazio al benessere, coniugando la tradizione con le più innovative soluzioni di design.

Come nel caso del Badrutt’s Palace Hotel di St. Moritz. Recentemente ha  riaperto la propria area wellness con una sezione dedicata al frigidarium e al bagno turco collocandola in un ambiente che ben si accorda con il paesaggio alpino circostante. Ma non è il solo hammam in Svizzera. Ad Arosa, per esempio, il Berg Oase dello Tschuggen Grand Hotel ne accoglie uno in un ambiente ben integrato con la natura esterna, come lasciano intendere anche i dieci finestroni a forma di foglia che lo illuminano dall’esterno.

Hammam anche al mare. A due passi dall’Acropoli di Atene si trova il Divani Athens Spa & Thalasso Center del Divani Apollon Palace, già membro del The Leading Hotels of the World. All’interno di questa, che è una della più grandi spa d’Europa, vi sono sale dedicate ai massaggi, 270 mq di piscina e un hammam.

Da non perdere a Cipro l’Omeriye hammam di Nicosia, non tanto per i servizi in sé quanto per la sua collocazione all’interno di una chiesa ortodossa del XVI secolo. L’accesso è naturalmente a giorni alterni per donne e uomini. Sull’isola si trova anche il The Retreat, la spa superlusso dell’InterContinental Aphrodite Hills Resort Hotel, i cui padiglioni bianchi e i cui tendaggi rimandano alle atmosfere dei quadri di Ingres. Patii, fontane in stile arabo, colonnati sospesi tra Mediterraneo e Oriente offrono trattamenti al caviale ed estratto di perle, mentre la carta Thermae Membership dà accesso a sauna, bagno turco e terme greco romane.

Minimal ma adatto a chi ha disposizione poco tempo per la cura di mente e corpo, il Rainspa di Montreal, in Québec, centro che unisce macchinari e tecnologie all’avanguardia con la saggezza ancestrale di un classico bagno turco.

Aprirà solo il 26 luglio con un concetto innovativo di hammam il Chi, la Spa dello Shangri-La’s Villingili Resort and Spa alle Maldive. Qui gli ospiti avranno a disposizione persino bagni turchi privati all’interno delle ben undici spaziose ville, 16.700 mq di “spa dentro la spa” in cui godere di aree relax,  giardini, piscine, due padiglioni per la meditazione e uno per lo yoga con vista sull’oceano Indiano. Tra queste, evidenziamo la Himalayan Treatment Villa con l’Himalayan Tsangpo Ritual. Si tratta di un percorso di bagni e purificazione che viene effettuato in un ambiente ad hoc riscaldato e umidificato esattamente come accadeva nelle caverne dell’Himalaya durante la Sowa Rigpa, l’antico rituale terapeutico himalayano che risale a 1.500 anni fa.

Se è vero che l’Oriente è ormai il depositario della tradizione del bagno turco, a Seul si trova il W Seoul-Walkerhill, a soli 15 minuti dal centro città e sul crinale del Monte Acha. Per realizzarlo hanno dato il loro contributo architetti e interior designer da ogni parte del mondo, che hanno creato una struttura completamente futuribile, dagli esterni ai complementi d’arredo. Disponibili per gli ospiti il tipico hammam turco da alternare alle vasche inoki, la tradizionale vasca giapponese che con il legno che ne dà il nome è un’alternativa altrettanto gradevole ad hammam e terme.

Infine, Parigi. Una delle metropoli più vivaci, da sempre salotto del bien vivre, non può mancare di un hammam dove trascorrere qualche ora in relax. Uno dei più lussuosi si trova alla Spa Nuxe, dove le sei cabine sono state ricavate dalla ristrutturazione di un edificio del Seicento e dove si potrà godere del trattamento Rêverie Orientale, comprensivo di un fantastico bagno di vapore in hammam. Infine, se si desidera trascorrere una giornata tra donne nella Ville Lumiere c’è l’Hammam Pacha, riservato esclusivamente alla clientela femminile.

www.badruttspalace.com
www.tschuggen.ch
www.lhw.com
www.aphroditehills.com
www.rainspa.ca
www.shangri-la.com
http://www.wseoul.com/
http://www.nuxe.com/home/index.html
http://www.hammampacha.com/accueil.htm

Written by Francesca

Anche le cinture hanno i diamanti

Gli occhiali sflilano in Piazza della Scala