Halloween all’italiana

Redazione
27/10/2011

Torino e Benvento, due città magiche ed esoteriche, mete ideali per trascorrere un'Halloween all'italiana tra alchimisti, streghe e luoghi dal passato oscuro.

Halloween all’italiana

Brividi a Torino e BeneventoHalloween per noi italiani è senza dubbio una festa “d’importazione”. Non che manchino nel nostro Paese miti e tradizioni legate al periodo, ma le nostre sono più riferite alla festa di Ognissanti e al giorno successivo, in cui si commemorano i defunti.

Ciononostante la notte tra il 31 ottobre e l’1 novembre viene anche da noi festeggiata sempre più nella sua versione dark di origini celtiche e trasformatasi in fenomeno di costume.

Se volessimo individuare in Italia un paio di luoghi davvero suggestivi dove trascorre questa serata, non potremmo di certo escludere Torino, città magica ed esoterica per eccellenza, dove hanno soggiornato Nostradamus, Cagliostro, Paracelso, il Conte di Saint Germain e Fulcanelli.

La città, insieme a Praga e Lione, è considerata uno dei vertici del “triangolo della magia bianca” ma al tempo stesso, insieme a Londra e San Francisco, sarebbe parte del “triangolo della magia nera”.

Molti monumenti della città sarebbero di ispirazione esoterica, come la Fontana del Frejus, con in cima il suo inquietante angelo, la Fontana Angelica di piazza Solferino, costruita secondo regole massoniche e la chiesa della Gran Madre di Dio, sotto la quale sarebbe sepolto addirittura il Sacro Graal.

L’altra tappa obbligata è certamente Benevento, l’antica Maleventum, la “città delle streghe”.

Non è ancora chiaro a cosa la città debba questa sua fama, ma dalla tradizione popolare sono giunte fino a noi le janare, la Zucculara e la Manalonga e altre streghe famose, come Teresa, Violante da Pontecorvo, la Maga Menandra, la Maga Alcina e Bellezza Orsini, processata dal Santo Uffizio di Roma nel 1540.Benevento

La leggenda vuole che queste donne, dedite all’occultismo, si dedicassero ai loro riti attorno a un grosso albero di noce nei pressi del fiume Sabato.

L’albero sarebbe in seguito stato estirpato e al suo posto sarebbe stata eretta la chiesa di Santa Maria in voto. Malgrado ciò i riti non si sarebbero interrotti e anzi il noce sarebbe ricresciuto e tornato a essere il centro di riunione delle streghe.

Che siate dunque anche voi stati affascinati dalla Halloween made in Usa o che semplicemente siate in cerca di spunti interessanti per un fine settimana particolare, queste due città sapranno stregarvi con il loro oscuro fascino.