Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020-21 by Alessandro Michele: Ghali in rosa e Achille Lauro col ventaglio

Una collezione che indaga e mette alla prova la mascolinità, giocando con lo scambio delle parti e con la macchina del tempo

Ecco gli outfit più impattanti da front row Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020/21 di Alessandro Michele, la cui collezione menswear dedicata all’Autunno-Inverno 2020/21 è andata in scena, a Milano, a chiusura della Settima della Moda Uomo. «È uno show per soli uomini», esordisce scherzando Alessandro Michele. «Sono contento di essere tornato a Milano, di poter rivedere i compiti che ho svolto nel passato, perché anche lo show col quale tutto è iniziato era maschile. Consideriamola un ripasso, questa sfilata: ripetere e ripetermi in questo percorso era molto importante per me».

Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020-21 by Alessandro Michele: Ghali in rosa e Achille Lauro col ventaglio
Achille Lauro

Scordatevi la virilità: arriva Alessandro Michele

Ai microfoni di style.corriere.it, il designer spiega la collezione Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020/21. Una collezione che indaga e mette alla prova la mascolinità, giocando con lo scambio delle parti e con la macchina del tempo. Una virilità stemperata, quella dei ragazzi mandati a calpestare la passerella Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020/21. La figura dell’uomo smorzata, riportata al tempo delle elementari, quando a nessuno importava il genere. «Il migliore dei tempi è quello che non percepisco. Sono me stesso quando perdo il controllo del tempo. Il mio è un invito romantico al sesso maschile che è capace di tante cose, anche quello di revisionare ciò che gli è stato insegnato. Se gli uomini  riuscissero a dialogare con la propria parte femminile sarebbe molto più facile vivere per tutti: non voglio decostruire il mondo degli uomini, il mio invito è tornare sui banchi di scuola a imparare di nuovo a essere maschi» 

Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020-21 by Alessandro Michele: Ghali in rosa e Achille Lauro col ventaglio
Ghali

«Tornare a sfilare con l’Uomo Gucci è stata l’occasione per riflettere sulla mascolinità ma non ho voluto fare una una narrazione che esclude quella mainstream: vorrei soltanto dire che la mascolinità non è soltanto quella cosa che ci è stata insegnata. Ai maschi come alle femmine sono state raccontate cose sui loro ruoli sociali e personali che oggi sappiamo essere inesatte. Entrambi i sessi hanno subito delle modificazioni culturali. In questo show ho immaginato di tornare un po’ bambino, che è il momento in cui ci è permesso di non essere etichettati. Siamo più liberi, perché poi quando cresciamo arrivano i divieti: questo non lo puoi più fare. Tornare a essere infantili è dire “Impariamo di nuovo”. Essere maschile in un modo stereotipato è pericoloso per entrambi: l’uomo ne è schiavo, la donna lo subisce. Forse all’asilo si era tutti uguali, lì si è tutti bambini».

Jared Leto
Massimo Bottura
Gucci Uomo Autunno-Inverno 2020-21 by Alessandro Michele: Ghali in rosa e Achille Lauro col ventaglio
Anna Dello Russo
Achille Lauro
Alessandro Borghi

Le campagne di Gucci contro il lavoro nero e la violenza sulle donne: lusso ed etica

Avatar

Written by Erika Barone

Le fidanzate di Gianluca Vacchi: da Jennifer Lopez alla 23enne Sharon Fonseca

Stan Kirsch trovato morto in casa: addio all’attore di Highlander e Friends