Gucci, donazione charity record

25 milioni di yen all’UNESCO in Giappone
Charity per Gucci non fa rima solo con Chime for Change, la campagna globale ideata dalla casa di moda toscana nel 2013 con lo scopo di migliorare le condizioni di vita di donne e  bambine in tutto il mondo.

Per celebrare il 50esimo anniversario della presenza di Gucci in Giappone, il Direttore Creativo Frida Giannini è volata nella Paese del Sol Levante per partecipare a una serie di eventi.

Il 25 ottobre, Frida Giannini e il Presidente e CEO di Gucci Patrizio di Marco hanno tenuto una cena di gala di beneficenza in onore della Federazione Nazionale delle Associazioni UNESCO in Giappone (NFUAJ) presso il Ryogoku Kokugikan.

Durante l’evento, Frida Giannini ha presentato una donazione di 25 milioni di yen all’UNESCO ricavati dalle vendite dell’edizione limitata del foulard Flora in seta presentato all’inizio di quest’anno. UNESCO è partner di Gucci in Giappone sin dalla creazione nel 2012 del programma “UNESCO Association Scholarship – Gucci Scholar”, nato per offrire borse di studio a studenti di scuola elementare e media di aree particolarmente danneggiate dal disastro del grande terremoto del Giappone orientale del 2011.

Alla cena hanno partecipato 250 ospiti, tra i quali Noboru Noguchi del NFUAJ e numerose celebrity, esponenti dell’economia e della cultura. Gli ospiti hanno anche assistito a un video messaggio di sostegno di Hakuho, un grande campione di sumo e Campione dello Sport UNESCO.

Frida Giannini ha dichiarato: “È stato un onore, durante questa serata, avere avuto la possibilità di condividere con la popolazione giapponese quanto sia fondamentale l’istruzione per i bambini. Offrendo il nostro costante sostegno, affermiamo la convinzione secondo cui ogni bambino ha il diritto di ricevere un’istruzione in quanto bene eterno”.

Avatar

Scritto da Chiara

Matera 2019, capitale europea della cultura

Calendario Lavazza 2015 by Steve McCurry