Gucci, autunno inverno 2012-2013

Milano Moda DonnaA Milano Moda Donna, nella storica location di Piazza Oberdan, Frida Giannini ha presentato la donna Gucci per l’autunno inverno 2012-2013, dall’eleganza decadente e dallo spirito dandy.

Se il colore principe della collezione è il nero, senza ombra di dubbio il tessuto chiave della linea è il velluto, fil rouge della collezione proposto sia per il giorno sia per la sera.

Sensuale e misteriosa, tra rigore apparente e spirito bohemien.

Le gambe sono sempre celate da maxi gonne di velluto –che nascondono però un sexy spacco sul retro- o da pantaloni di derivazione equestre.

In passerella anche alcuni capi rubati dal guardaroba maschile, come le giacche da camera in velluto usate come tuxedo chiuse da una cintura di passamaneria effetto pijama, come visto da Paul Smith alla London Fashion Week.

Il velluto rivive anche nei cappotti, sempre lavorato e con ricami.

Abiti strettissimi e avvolgenti, le gonne lunghe ed importanti sono alleggerite da bluse effetto vedo non vedo con dettagli e lavorazioni–sempre in velluto!- a coprire il seno.

Velluto tutto fare: il tessuto viene utilizzato anche per rendere l’effetto animalier su abiti dalle tonalità del verde e del blu.

Nel finale della sfilata, gonne, cappe e abiti con pavé di piume di gallo in un cangiante nero-verde e abiti da red carpet per un trionfo di tulle doppiato e arricciato con tanto di pailletes e microcristalli a disegnare fiori tridimensionali.

Tra gli accessori, oltre alla nuova Stirrup bag con chiusura ispirata alla staffa metallica del mondo equestre, ecco guanti in pelle, calze velate nere, stivali alti stringati con tacco, o senza lacci e flat, intervallati da eleganti sandali.

Colori dark, con prevalenza di nero ma anche verdone, bordeaux, viola e fantasie floreali dalle tinte caravaggesche sempre in queste tonalità.

Atmosfera noir a tratti drammatica che trova nel lusso e nel gioco della seduzione il suo completamento.

Written by Monica

Paola Frani, autunno inverno 2012-2013

L’urlo di Munch all’asta