Gran Premio Nuvolari 2014, i vincitori

Trionfa l’equipaggio di Andrea Vesco e Andrea Guerini
Non c’è due senza tre per Andrea Vesco e Andrea Guerini.

La coppia di gentlemen drivers si è aggiudicata per la terza volta consecutiva, la quarta in totale, il Gran Premio Nuvolari a bordo di una Fiat 508 S Balilla Sport del 1934.

Sul podio anche l’equipaggio di Giovanni Moceri-Daniele Bonetti alla guida di una Fiat 1100/103 del 1954 e di Giuliano Cané-Lucia Galliani che hanno gareggiato su una Lancia Aprilia del 1938, arrivando al terzo posto.

Per quanto riguarda i brand di lusso sponsor della manifestazione, Audi Italia ha colto l’occasione per presentare in anteprima la nuova TT Coupé Nuvolari Limited Edition, prodotta solo in 100 esemplari, mentre Eberhard & Co. ha ospitato, nella serata di giovedì 18 all’interno della gioielleria Piccinini nel cuore di Mantova, un elegante cocktail per celebrare il lancio del segnatempo Tazio Nuvolari Solo Tempo.

Premiazione Gran Premio Nuvolari 2014

La coppia Vesco-Guerini è stata premiata da Federico Ferraro, Responsabile Service di Audi Italia, con una bellissima coppa messa a disposizione dal main partner, due cronografi Eberhard & Co. della collezione Tazio Nuvolari e un modellino di Auto Union Tipo D con cui Nuvolari trionfò al Gran Premio d’Italia nel ’38. I tre organizzatori: Luca Bergamaschi, Marco Marani e Claudio Rossi, come di consueto, hanno presentato la cerimonia di assegnazione dei premi, che si è svolta nel settecentesco Teatro Bibiena di Mantova.

Al traguardo, oltre ai tre migliori equipaggi, sono state premiate, quali migliori scuderie, per l’edizione 2014, l’italiana “Loro Piana Classic” e la straniera “Gli Svizzeri“. Federica Bignetti e Luisa Ciatti, che gareggiavano con il numero 213, si sono aggiudicate la prestigiosa Coppa delle Dame a bordo di una Alfa Romeo Giulietta spider veloce del 1960.

Arrivo Gran Premio Nuvolari 2014

Credits Photo: Fotottica 2000

Avatar

Written by Chiara

Milano Moda Donna PE 2015, giorno quattro

Milano Moda Donna PE 2015, giorno cinque