Golden Globe 2009

Francesca
12/01/2009

Golden Globe 2009

La vera sorpresa? Niente GomorraSvoltasi ieri sera, l’edizione 2009 dei Golden Globe ha stupito ma fino a un certo punto.
Anticamera per gli Oscar, hanno trionfato The Millionaire e Kate Winslet, lasciando senza gloria Gomorra e riportando all’antico sfarzo l’evento, dopo uno scorso anno di crisi dovuta allo sciopero degli sceneggiatori.

The Millionaire si è aggiudicato 4 premi su 4 nomination: Miglior film drammatico, Migliore Colonna Sonora originale, Miglior Regista Migliore Sceneggiatura. Insomma, un successo a 360° che non fa che confermare le aspettative per gli Oscar.

Come Migliore Attrice Non Protagonista è stata premiata Kate Winslet per il film The Reader; l’attrice ha poi doppiato con il premio nella categoria Miglior Attrice Drammatica per la sua interpretazione di Revolutionary Road.

Due riconoscimenti anche per The Wrestler, che si è aggiudicato il premio per la Migliore Canzone Originale grazie al testo e alla melodia firmata Bruce Springsteen e quello per il Migliore Attore in un film Drammatico, andato a Mickey Rourke che ha ritirato il premio nel bel mezzo di una standing ovation.

Standing ovation e commozione anche per Heath Ledger. Non rimane a bocca asciutta, infatti, nemmeno The dark knight grazie al premio di Miglior Attore Non Protagonista assegnato postumo proprio all’attore tragicamente scomparso. Sul palco a ritirare il premio è salito il regista del film, Chris Nolan.

Miglior film di Animazione è risultato WALL-E, mentre il riconoscimento per il Miglior film in Lingua Straniera se lo è aggiudicato Waltz with bashir, “documentario animato” israeliano che ha “rubato” la statuetta all’italiano Gomorra di Matteo Garrone, che ha ricevuto comunque un lungo applauso.

Anche Woody Allen ha centrato l’obiettivo con il suo Vicky, Cristina e Barcelona, che si è aggiudicato il premio per la Migliore Commedia/Musical. Infine, è toccato a Martin Scorsese salire sul palco per assegnare il Premio Speciale alla Carriera a Steven Spielberg per lo straordinario contributo dato al mondo dell’intrattenimento.