Giornata mondiale contro l’AIDS 2009

Il 1 dicembre iniziative e convegni
Oggi 1º dicembre 2009 ricorre, come ogni anno, la Giornata mondiale contro l’AIDS, dedicata ad accrescere la coscienza della epidemia mondiale di AIDS dovuta alla diffusione del virus HIV. La ricorrenza è stata scelta in quanto il primo caso di AIDS è stato diagnosticato il 1º dicembre 1981. Da allora l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. L’idea ha avuto origine al Summit mondiale dei ministri della sanità sui programmi per la prevenzione dell’AIDS del 1988 ed è stata in seguito adottata da governi, organizzazioni internazionali ed associazioni di tutto il mondo.

In prima linea le azzociazioni che lanciano messaggi forti di prevenzione, come la Lila che presenta l’opuscolo “hiv/aids: + risposte – dubbi” e una campagna che invita a mettersi in gioco in prima persona, a diventare testimonial e inviare una fotografia per formare una galleria sul sito internet della Lila. Anlaids promuove sulle reti Mediaset una Raccolta Fondi a favore di un progetto mirato alla prevenzione materno-fetale da HIV in Guinea Bissau, uno dei paesi più poveri e più colpiti dall’AIDS del continente africano.

(RED), progetto mondiale di responsabilità sociale d’impresa promosso e creato dal cantante degli U2 Bono Vox e da Bobby Shriver che si pone l’obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare aziende e consumatori alla lotta contro l’AIDS in Africa, ha coinvolto Nike che ha creato i NIKE Red Laces che verranno venduti in oltre 1 milione di pezzi al prezzo di 4 Euro al paio. Il 100% del ricavato della vendita dei lacci contribuirà in modo concreto a combattere l’HIV e l’AIDS in Africa attraverso medicinali e campagne educative, che usano il gioco del calcio come stimolo per insegnare ai giovani come evitare e prevenire il virus dell’HIV.

Levi’s ha chiesto a quattro artisti di esprimere, attraverso le loro opere, il significato di “World AIDS Day” e del tema “Io sono” – un messaggio positivo verso coloro che potrebbero essere colpiti da HIV/AIDS e malattie correlate. Mysterious Al, PinkyVision, Ihok e Matt Sewell hanno donato alcune delle loro opere che verranno utilizzate per  promuovere la giornata mondiale dell’AIDS. In tutti i Levi’s store partecipanti, una selezione di cartoline rappresentanti le opere degli artisti saranno a disposizione del pubblico insieme agli ormai conosciutissimi nastri rossi simboli della lotta contro l’AIDS.

Aquistando la Ultimate Strength Hand Salve di Kiehl’s decorata dal nastrino rosso, presso la Boutique Kiehl’s di Corso di Porta Ticinese 40 – Milano, si potrà sostenere l’Associazione Arché che dal 1991 si occupa di bambini sieropositivi e delle loro famiglie.

In tutte le città italiane è un fiorire di convegni e iniziative.

Venezia sarà invasa da 10.000 adesivi e 150 manifesti che riproducono l’immagine di due guanti gialli. I manifesti sono affissi in città fino al 5 dicembre, gli adesivi saranno distribuiti nel centro storico per tutto il mese di dicembre. Yellow Gloves è la prima tappa del progetto New York Memories che celebra ACT UP, il collettivo di attivisti e artisti gay nato a New York nel 1987 in risposta alla crisi dell’Aids. I guanti gialli sono un elemento simbolico nella storia di ACT UP. Durante una delle prime dimostrazioni, i poliziotti li indossano per evitare il contagio con i manifestanti sieropositivi. Da segno di ignoranza e repressione diventano per i membri del collettivo un emblema della lotta contro il panico scatenato dall’epidemia. Riscoprire quell’immagine così evocativa e reinserirla oggi in un contesto pubblico ha l’intento di attualizzare un’esperienza d’arte e attivismo, in Italia ancora poco conosciuta.

A Roma, invece, presso il Circolo degli Artisti è in programma un evento con il giovane cantautore belga Milow, mentre a Palazzo Valentini è di scena la mostra fotografica “Silvia Amodio – Volti positivi. Sudafrica. Un viaggio per ripensare l’Aids”, visitabile fino al 31 dicembre 2009.

Avatar

Written by Redazione

Perla da record all’asta

Regina Isabella, il lusso “Autentico”