Giornata della Terra 2018: 3 mete per viverla al meglio

Torna la Giornata della Terra: ecco 3 mete per festeggiare il nostro pianeta nel migliore dei modi

Il 22 aprile 2018 si festeggia la Giornata Mondiale della Terra con iniziative in tutto il pianeta, organizzate per sensibilizzare nella ricerca di soluzioni nella tutela di aria, acqua, suolo, ecosistemi e delle tante specie di piante ed animali a rischio estinzione. Anche gli hotel, con animo ecologista, celebrano la Giornata Mondiale della Terra, proponendo vacanze totalmente ecofriendly.

Per tutti coloro che vogliono quindi festeggiare la Giornata Mondiale della Terra 2018 vi suggeriamo 3 mete per viverla al meglio…

  • Il BOSCO e il LAGO nell’oasi naturale sull’altipiano di Naz (BZ) – La preziosa biodiversità del bosco e dell’acqua è scenario ed essenza del Seehof Nature Retreat ****s di Naz (BZ), vicino a Bressanone. In questo luogo, che nasce sulle sponde di un laghetto e di una foresta di pini silvestri, tutto è celebrazione della Terra e delle sue risorse naturali, in cui immergersi fin dal mattino, godendosi la colazione sul pontile del lago, praticando pilates, stretching e ginnastica nel verde o esperienze di yoga nel bosco. Legno, pietra e acqua dominano gli interni e l’ambiente, da esplorare in occasione della Giornata Mondiale della Terra, partecipando ad escursioni guidate tra le vette, i ruscelli, l’altipiano delle mele. A disposizione, ci sono anche le bici elettriche e sentieri su cui pedalare con lentezza, respirando le essenze della stagione dei fiori. PrimaVera è anche il nome dellazona wellness, con accesso diretto al laghetto, piscina infinity riscaldata esterna, sauna finlandese ebiosauna panoramiche, bagno turco.
  • MOBILITÁ ECOSOSTENIBILE sul mare della Romagna – Al mare senza auto e risparmiando il più possibile in emissioni di CO2 è un obiettivo che i Ricci Hotels di Cesenatico (FC) invitano a raggiungere, proponendo vacanze sempre più ecofriendly. Sono stati tra i primi a credere nella mobilità elettrica in Emilia Romagna, mettendo al servizio dei visitatori e del pubblico una stazione di ricarica Tesla destination charging presso l’Hotel Valverde. Inoltre, da sempre promuovono uno stile di vita sano in sintonia con l’ambiente, invitando i turisti ad esplorare la città marinara, i suoi parchi e le sue colline in bicicletta, a fare sport e mangiare prodotti locali ed artigianali, che vengono serviti nei ristoranti della catena. Sono specialisti in servizi per i cicloturisti, promuovono le vacanze slow e propongono soggiorni di relax nel cuore della campagna romagnola, nelPodere La Fattoria, vicino a Santarcangelo di Romagna, in cui viene prodotto olio, vino e miele, che arriva sulle tavole degli ospiti.
  • TRENO e BICI in Val Pusteria – In Val Pusteria, dove le vette dolomitiche fanno da contorno a splendidi scenari naturali, gli hotels dellacatena altoatesina Falkensteiner invitano gli ospiti a lasciare l’auto nel parcheggio e ad esplorare i dintorni a piedi, in bicicletta o in treno. La ferrovia passa proprio davanti al Family Hotel LidoEhrenburgerhof di Casteldarne (BZ) così come la pista ciclabile (prezzi a partire da 84 euro a persona con pensione completa light, https://www.falkensteiner.com/ it/hotel/lido, Tel. 0474 562222). Le bici – dalle city bike, trekking bike e mountain bike per grandi e piccoli alle biciclette elettriche con tutti gli accessori – sono a disposizione in hotel e si possono portare sul treno (con un piccolo supplemento alla Holiday Pass Premium che consente di prendere tutti i mezzi pubblici dell’Alto Adige gratuitamente). Grazie alla rete ciclabile “Bici Alto Adige”, le due ruote si possono lasciare nel punto noleggio di una stazione, per poi riprendere un’altra bici magari nella tappa successiva. In Alto Adige/Südtirol si snodano circa 600 km di piste ciclabili con tante attrazioni, aree sosta e servizi per tutta la famiglia. E a pochi km dal Falkensteinerhof di Valles (BZ) – prezzi a partire da 77 euro a notte con pensione ¾ plus,www.falkensteiner.com/it/ hotel/falkensteinerhof, Tel. 0472 547165 – parte la pista che conduce fino a Lienz, per poter attraversare tutto il territorio su pedali. Dall’altro lato, infatti, la ciclabile conduce fino a Bressanone e Fortezza, da cui si può prendere la bellissima Brennero – Bolzano, molto amata dalle famiglie e dai teenagers, 96 km che si snodano tra boschi e colline lungo il vecchio percorso del treno, tra paesini da favola, valli e paesaggi alpini.

Photo Credit: Seehof – Photo Courtesy of Ella Studio

Rebecca Fassone

Scritto da Rebecca Fassone

European Best Destination 2018: le città europee da vedere assolutamente quest’anno

Gallerie degli Uffizi: a Firenze si inaugurano le nuove sale dedicate a Caravaggio e alla pittura del Seicento