Giorgio Armani maestro del buon gusto: quando la moda incontra l’olfatto

Uno stilista, una sensibilità unica nel suo genere, la bellezza secondo Giorgio

Era il lontano 24 luglio 1975 quando Giorgio Armani, un giovane piacentino piombato nel mondo della moda quasi per caso ( o per fortuna ), fondò assieme all’amico Sergio Galeotti la Giorgio Armani Spa, un’azienda destinata a diventare uno dei pilastri della moda italiana e internazionale.

Quasi dieci anni dopo, Giorgio Armani, sentì l’esigenza di espandere il proprio senso del gusto anche alla cosmesi; fu così che nel 1984, firmato il contratto con il gruppo L’Oréal, nacque Eau pour Homme. Il grande successo internazionale arrivò poi nel 1996, con Acqua di Giò, best seller firmato da Alberto Morillas.

«A un certo punto della mia carriera mi è sembrato naturale estendere anche al campo della cosmetica il mio concetto di eleganza, naturalezza, sensualità. È un settore stimolante, che mi dà la possibilità di offrire prodotti che rispecchiano la mia idea di cura e di bellezza, a completamento della moda. Per questo il mio desiderio è che i prodotti siano di altissima qualità e sempre all’avanguardia».

La nascita del make-up, nel 2000, fu un’altra pietra miliare, con prodotti con tecnologie brevettate ideati da esigenze emerse direttamente dalle passerelle. D’altronde chi meglio di uno stilista può produrre ed occuparsi di trucco a lunga durata?! 

«La mia avventura nel make-up è iniziata 19 anni fa. Per me la bellezza è armonia, in primo luogo. Calma, misura. È equilibrio tra il corpo e la mente, espressività, una certa forma di grazia, l’accuratezza. Come ripeto sempre però, non c’è bellezza senza intelligenza. Anche in questo ambito lavoro nello stesso modo in cui creo le mie collezioni: osservando la realtà, tenendo conto del ritmo della vita di oggi, offrendo prodotti sofisticati, ma immediati nell’uso».

«Il percorso non è diverso da quello che mi ha portato all’alta moda – conclude Armani – trovare una nuova espressione preziosa del mio stile pensando a clienti speciali. Il mondo della profumeria poi è affascinante: l’olfatto è uno dei canali più potenti della memoria, del benessere e della seduzione».

Avatar

Scritto da Erika Barone

Il Royal Wedding di Lady Gabriella Windsor: presenze e assenze importanti alla cerimonia reale

Il Royal Wedding di Lady Gabriella Windsor: l’abito da sposa porta una grande firma italiana

Man in pink: bellissimi e in rosa, quando la virilità non dipende da un colore