Gioielli al Macef: forme audaci e tanto colore

L’edizione autunnale del Salone internazionale della Casa ha proposto gioielli sospesi tra l’antico e il moderno, dai materiali innovativi e dalla forte personalità
Alla 85° edizione del Macef, Salone internazionale della Casa, grande spazio è stato riservato ai bijoux e ai gioielli. Per quanto riguarda questi ultimi, tanti i pezzi unici e le proposte dalla forte personalità, caratterizzate, a seconda dei casi, dal recupero di tecniche antiche, dal design contemporaneo, da materiali innovativi e dallo stile etnico.

Riprende l’antica tecnica della miniatura su oro con smalto a fuoco Gabriella Rivalta, che presenta le sue ultime collezioni di gioielli fatti a mano, Fiori di Giano, Grandisflora, linea che utilizza tipi d’oro diversi, tra fiori, tigri, insetti, pietre preziose e semipreziose. Ad arricchire le miniature, l’oro si plasma diventando un filo, un ricciolo, acquistando in eleganza e leggerezza.

Scoprono tecniche antiche ma guardano alle linee contemporanee i preziosi di DPC Studio Design Firenze. La ricerca nel tempo rende unici e ancestrali, ma attuali allo stesso tempo, i gioielli in madreperla e seta o in materiali meno convenzionali come il cuoio associato al sasso.

Acquistano il fascino di terre lontane i gioielli di Italo, principalmente in ambra, considerata fin dall’antichità un materiale dalle magiche virtù. Le ambre provengono da varie parti del mondo, area baltica, prevalentemente Lituania, Repubblica Dominicana, Messico e Sicilia. Pezzi unici e di ricerca sono plasmati anche in diversi tipi di giade, coralli e quarzi.

Vetro di Murano declinato in un design caldo e moderno per i pezzi unici della linea Disegni di luce, creati da Gabriella Nanni e caratterizzati da forme semplici e ben definite, con il colore che diventa protagonista. Nel vetro vengono inserite la foglia d’oro, platino o murrine per monili da indossare in ogni età. La collezione Storie di Mare utilizza, invece, coralli, perle d’acqua dolce, madreperle, sassi levigati dal mare e pietre semipreziose, declinati in pezzi di ricerca dalla forte personalità.

Piccoli capolavori creati a mano uno a uno i gioielli in terracotta smaltata di Mariateresa Ravelli. La terra, i pigmenti colorati sempre organici, gli interventi in oro, platino, argento, rame e madreperla sono interpretati con linee semplici ma d’impatto, che rendono ogni accessorio particolare.

Pezzi unici nati da un’attenta selezione delle pietre e dal perfetto equilibrio tra la natura e il design i gioielli Della Rovere, mentre riprendono linee classiche o esotiche i gioielli Parrini, in argento e pietre naturali.
Uniscono l’antica cultura ottomana alla moderna arte italiana i gioielli in argento di Armony Silver, mentre per gioielli etnici provenienti dall’Oriente ecco Anticoa, con la boutique di Via del Pellegrino a Roma.
Tra le novità per il settore dei bijoux, ecco quelli di Giuxury, da applicare sulla pelle, un po’ come i gioielli Newd.

http://www.rivalta.it/
www.dpcstudio.it
www.italoimportexport.it
http://www.dellaroveresrl.com/
http://www.parrinimarcello.com/
http://www.gabriellananni.it/
http://www.mariateresaravelli.it/
www.armonysilver.com
http://www.anticoa.com/
www.giuxury.com

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Weekend di beneficenza a Portofino

Virgin Active Day SPA