Gilli, una borsa per la Birmania

I colori richiamano quelli dell’abito dei monaci nell’accessorio creato per Amnesty International

Gilli, brand di moda italiano fondato da Giulia Ligresti, consolidando la sua ormai tradizionale attenzione al filone dell’attualità sociale, si schiera a favore dei diritti umani del popolo birmano.

Per questo ha creato la ‘Free Burma Bag’, una borsa in tessuto e pelle color arancio e cinabro, colori che richiamano le tonalità cromatiche del saio dei monaci in prima linea nella protesta non violenta contro la tirannia della giunta militare oggi al potere in Myanmar, con stampato in colore bianco il forte messaggio:“FREE BURMA. Peace does not exist without freedom”.

Il ricavato della vendita della borsa sarà devoluto in beneficenza ad Amnesty International.

E’ possibile aquistare ‘Free Burma Bag’ direttamente nei due store monomarca Gilli di Via Spiga 5 a Milano e di Piazza di Spagna 1 a Roma oppure prenotarla al numero 02 66704335 o connettendosi al sito internet www.gilli.com.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

GranitiFiandre: effetti cangianti e materiali preziosi

Fuel for Life Factory by Diesel