Gambero Rosso 2014

Guida alle 3 Forchette

Aspettando l’uscita della Guida Michelin 2014, abbiamo seguito da vicino la presentazione della Guida L’Espresso 2014, una delle bibbie per i cultori di ristoranti di lusso e vini di qualità.

Tra le pubblicazioni dedicate alla gastronomia d’eccellenza ecco che a completale la triade ci pensa il Gambero Rosso.

In questa ventiquattresima edizione ben 4 sono i nuovi Tre Forchette entrati nell’Olimpo in cui primeggiano Massimo Bottura e Gianfranco Vissani, seguiti da Heinz Beck, dalla famiglia Iaccarino del Don Alfonso e da Villa Crespi di Antonino Cannavacciuolo.

Tra le novità più rilevanti segnaliamo il massimo riconoscimento per il S’Apposentu a Casa Puddu di Siddi (VS). Lo chef Roberto Petza porta infatti per la prima volta in Sardegna le Tre Forchette Gambero Rosso.

Nella classifica spiccano altri nuovi ingressi come il Devero dello chef Enrico Bartolini che guadagna 4 punti entrando in area tre forchette insieme all’Antica Osteria Da Cera e al Trussardi alla Scala di Luigi Taglienti.

Perdono le Tre Forchette Mauro Uliassi e l’Oasis dei Fratelli Fischetti a Valle Saccarda mentre grande è il successo per la giovane Alba Esteve Ruiz di Marzapane che in soli sei mesi ha conquistato tre riconoscimenti. Alla chef è andato il premio per il rapporto prezzo/qualità sull’edizione di Roma all’inizio dell’estate, poi le due forchette conquistate con 4 punti a distanza di 3 mesi e il premio Cuoco Emergente che è stato assegnato direttamente da un entusiasta Giancarlo Perrotta.

La Lombardia è la regione leader con 5 locali che detengono il primato delle Tre Forchette, seguita dal Veneto con 3 e dall’Emilia Romagna, Piemonte e Toscana con 2.

In fine, dopo le proteste contro la guida esce dalla pubblicazione Il Salotto Culinario di Dino de Bellis.

Vediamo le Tre Forchette della guida Gambero Rosso 2014:
Osteria Francescana, Modena
Vissani, Baschi (TR)
Don Alfonso 1890, Sant’Agata sui Due Golfi
La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri, Roma
Villa Crespi, Orta San Giulio (NO)
Piazza Duomo, Alba (CN)
La Torre del Saracino, Vico Equense (NA)
Le Calandre, Rubano (PD)
Laite, Sappada (BL)
Lorenzo, Forte dei Marmi (LU)
La Madia, Licata (AG)
Dal Pescatore Santini, Canneto sull’Oglio (MN)
Reale, Castel di Sangro (AQ)
St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina, San Cassiano (BZ)
Devero Ristorante del Devero Hotel, Cavenago di Brianza (MB)
La Madonnina del Pescatore, Senigallia (AN)
Il Pellicano, Porto Ercole (GR)
Ilario Vinciguerrra Restaurant, Gallarate (VA)
Da Vittorio, Brusaporto (BG)
Antica Osteria da Cera, Campagna Lupia (VE)
Il Povero Diavolo, Torriana (RN)
S’Apposentu a Casa Puddu, Siddi (VS)
Trussardi alla Scala, Milano

Chef emergente Alba Esteve Ruiz

Alba Esteve Ruiz - Marzapane, Roma

Avatar

Written by Francesca

Isabel Marant pour H&M, il party

McDonald’s divorzia da Heinz