Fuori Salone 2008: Zanotta e la Commedia del Sacco

Fino al 20 aprile in Via Lambruschini 36 si festeggiano i quaranta anni della poltrona Sacco con una serie limitata realizzata con originali e suggestivi tessuti nati per  l’haute couture

I quaranta anni di storia della poltrona Sacco di Zanotta vengono festeggiati in concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile di Milano con la mostra La Commedia del Sacco, dedicata alla rivoluzionaria seduta disegnata nel 1968 da Piero Gatti, Cesare Paolini e Franco Teodoro.

Con una serie limitata di poltrone realizzate per l’occasione, la rassegna parla dell’incontro fra i  tre creativi e un industriale. Uno scenario nato sotto il segno della libertà, una storia dove l’oggetto si adatta al corpo umano. Una storia dove ognuno lascia la propria impronta nell’oggetto creato. Una storia che trova le sue origini nei sacchi riempiti di foglie di castagno del Nord dell’Italia, si trasforma con delle  palline di polistirolo a Nova Milanese e percorre il mondo.

Quaranta speciali Sacco realizzate con originali e suggestivi tessuti nati per  l’haute couture, proposte in un allestimento spettacolare, celebrano uno dei più originali oggetti del design e l’avvento di un’idea, un fenomeno di costume, approdato anche al cinema e in televisione, che ininterrottamente ha continuato a conquistare un pubblico vasto e trasversale.

In mostra sarà inoltre presentato il video Il Sacco realizzato da Hélène Guétary  con una co-produzione Steamboat Films, Lobster Films, Centre Pompidou Paris, Arte France, voluto per raccontare attraverso la storia della poltrona Sacco un’esperienza di design capace di catturare lo spirito del tempo e rappresentare uno stile di vita.

Per tutto il 2008 proseguiranno le iniziative dedicate ai 40 anni della poltrona Sacco. Dopo Milano, la mostra continuerà il suo tour, toccando Parigi, Tokyo, New York.

Un sito web dedicato, raggiungibile dall’indirizzo www.zanotta.it raccoglierà notizie storiche, curiosità, informazioni su Sacco e sulla mostra e per tutto il 2008 sarà possibile inviare e vedere pubblicate, nella sezione di interazione col pubblico, foto della poltrona o sue interpretazioni.

La rassegna, organizzata dalla società C-zone di Margherita Sigillò, è stata inaugurata ieri, 15 aprile 2008, in Zona Bovisa, negli spazi di BaseB in via Lambruschini 36, con un’installazione di BPM StudioBertero Panto Marzoli, e sarà aperta al pubblico da mercoledì 16 sino a domenica 20 aprile 2008, con orario continuato dalle 11.00 alle 21.00.

La poltrona Sacco

Dal giorno in cui i tre architetti torinesi arrivarono in Zanotta con un “sacco” in Pvc per tre quarti riempito di palline di polistirolo  con l’idea di sviluppare un progetto industriale, la Sacco ha compiuto uno speciale percorso. Da oggetto cult divenuto icona del design ha conquistato un primato a livello internazionale.

La poltrona rappresenta uno dei casi più significativi di prodotto di design capace non solo di superare i tradizionali confini di progetto, riscrivendone interamente le regole, ma anche di interpretare e rappresentare un’epoca. Nel 1972 viene esposta al MoMa di NewYork e oggi sono 26 i musei  internazionali che l’hanno inserita nella loro collezione permanente d’arte contemporanea o applicata. Oltre al MoMa, il Musée des Arts Décoratifs di Parigi, il Victoria & Albert Museum di Londra, il Museo del Design alla Triennale di Milano.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Fuori Salone 2008: Free:go e le maniglie gioiello

Fuori Salone 2008: la traccia del tempo