Fuori Salone 2008: Re-Designed

Kosuth, Migliora, Opie, Pistoletto, Steinbach, Vedovamazzei, Wapenaar, Williams alla Galleria Lia Rumma

Verrà inaugurata il 15 aprile alle 18,30 la mostra Re-Designed, allestita in occasione del Salone del Mobile.
La rassegna collettiva raccoglie alla Galleria Lia Rumma importanti opere di artisti appartenenti a diverse generazioni: Joseph Kosuth, Marzia Migliora, Michelangelo Pistoletto, Haim Steinbach, Vedovamazzei, Drè Wapenaar e Christopher Williams. Con approcci e intenzioni diversi, le opere selezionate discutono la complessa relazione tra l’arte e l’oggetto e le diverse possibilità che essa può aprire nel campo della riflessione artistica. Attraverso citazioni e spunti più o meno espliciti, le opere in mostra riflettono incursioni frequenti tra arte e design o assumono l’oggetto e la sua immagine come tema di analisi.

Showertent (1997) di Drè Wapenaar è una struttura/scultura dotata di funzione e funzionalità specifiche. Combinando elementi di design e architettura le opere di Wapenaar alludono agli archetipi della vita associata, e rappresentano una riflessione sulle modalità con le quali gruppi di persone e singoli individui si relazionano.

Marzia Migliora nel lavoro …Sono sgusciato dalla tua pienezza senza lasciarti vuota perchè il vuoto l’ho portato con me… (2007) prende spunto da un vaso di piccole dimensioni in ceramica e smalto kaleidon progettato da Gio Ponti. Con la sua forma rotonda che ricorda il disegno di una pancia che accoglie e contiene, il vaso diventa immagine archetipica della fertilità suggerendo all’artista una riflessione poetica sui legami affettivi.

Julian Opie è presente con un’opera Untitled del 1988, una scultura che simula un oggetto comune, un termosifone, dalla forma essenziale e indefinita. Nelle sculture di quegli anni, Opie riproduce forme anonime e indefinite che rimandano a oggetti generici, celle frigorifere, bacheche, bocche d’aerazione.

Lampada in prospettiva (1962-82) di Michelangelo Pistoletto, è un’opera della serie degli specchi, sulla cui superficie è riprodotta una lampada. L’oggetto è utilizzato come elemento scenografico di un’opera che riflette e celebra la reciprocità tra arte e vita.

Little Thonet (2008) di Vedovamazzei rappresenta invece un detournement oggettuale: una vecchia sedia Thonet è esposta in una teca di plexiglass dopo essere stata modificata, impossibile da usare, con lo schienale reso orizzontale, non più funzionale.

Le opere di Haim Steinbach sono costituite da oggetti trovati, prelevati dalla realtà quotidiana e collocati su dei ripiani, in relazione ad oggetti di natura diversa. La sua ricerca si focalizza sull’oggetto e la sua presentazione con un’attenzione speciale alle dinamiche di esposizione che si esplica nell’attenzione agli accostamenti cromatici e ai rimandi formali relativi alla posizione, dimensione, funzione e movimento. In mostra una mensola Omaggio ad Armando Testa (1996). La serie di 4 fotografie del 1996 di Christopher Williams ritraggono la macchina da scrivere Olivetti modello Valentine disegnata da Ettore Sottsass. Attraverso la fotografia l’artista statunitense approccia la realtà con sguardo freddo e analitico, focalizzando l’attenzione sulla presenza anonima degli oggetti comuni, macchine e oggetti industriali, ripresi nella loro presenza oggettiva e realistica.

Di Joseph Kosuth sarà esposto un lavoro recente Clear words Clear sight (2008) dove la riflessione sull’arte è anche riflessione sullo spazio.

Galleria Lia Rumma
Via Solferino 44, 20121 Milano
Tel. +39 02 29000101
orario della galleria: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00
[email protected]
www.gallerialiarumma.it

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Anello con raro diamante all’asta da Christie’s

Fuori salone 2008: Design on Stage Trascreativity