Fuocoammare è fuori dagli Oscar ma resta in gara

Fuocoammare fuori dagli Oscar, ma…

Brutte notizie per Fuocoammare, il pluripremiato film di Francesco Rosi focalizzato sul dramma dei migranti a Lampedusa. Dopo la trionfale incetta di premi presso i più prestigiosi festival cinematografici europei era arrivata anche la lieta notizia: l’interesse dell’Academy per quest’opera, come miglior film straniero.

Meryl Streep, presidente di giuria a Berlino, che aveva consegnato l’Orso d’Oro a Rosi aveva dichiarato – visibilmente commossa – che avrebbe fatto di tutto per portare l’opera negli States, convinta che potesse vincere l’Oscar. La corsa di Fuocoammare, però, si è fermata; ecco le pellicole straniere entrate nella rosa e preferite al film di Rosi.’It’s Only the End of the World’, Canada; ‘Land of Mine’, Danimarca; ‘Toni Erdmann’, Germania; ‘The salesman’, Iran; ‘The King’s Choice’, Norvecia; ‘Paradise’, Russia; ‘A man called Ove’, Svezia e ‘My life as a zucchini’, Svizzera.

Ma non tutto è perduto, l’opera al momento resta ancora in gara essendo entrata nella shortlist di 15 titoli che potranno contendersi la statuetta come Miglior Documentario 2017, la cui ulteriore scrematura per le 5 nomination avverrà a fine gennaio 2017. Insomma, l’eccellenza italiana può continuare a sperare.

Vittoria Casiraghi

Written by Vittoria Casiraghi

Non amo il lusso, amo la qualità. Che spesso è un lusso.

fedez e rochelle

Fedez e Rochelle: indizi durante la finale di X Factor fanno sospettare

bibart 2016 bari

BibArt Bari 2016: al via la prima Biennale Internazionale d’Arte nel capoluogo pugliese