Free-climbing in Valle d’Aosta

La regione è una delle mete privilegiate per chi ama mettersi alla prova o praticare il trekking

Chi ama il Free-climbing non può far altro che scegliere la Valle d’Aosta e le sue cime sopra i 4.000, che offrono un’ampia scelta di pareti adatte a ogni tipo di preparazione tecnica.

L’arrampicata libera, pratica sportiva dove l’uomo si misura con l’immensità delle montagne attraverso riferimenti tattili fatti di piccoli anfratti, minuscoli appigli, frammenti di appoggi, trova nella regione ottime occasioni di espressione in numerosissime palestre naturali e artificiali, assecondando la forte crescita di interesse per questa disciplina.
 
Per tutti, ma in particolare in questi ambiti, resta comunque consigliabile l’assistenza di guide professioniste.

Sono 185 le Guide Alpine dell’Unione Valdostana Guide d’Alta Montagna a disposizione dei turisti che vogliano raggiungere un rifugio o tentare la vetta del Monte Bianco, lungo lo sperone della Brenva, scoprire la Valle di Rhêmes o arrampicare sulle pareti di Machaby.

Per chi preferisce il più tranquillo trekking, numerosi sono gli itinerari, dall’Alta Via dei Giganti all’Alta Via Naturalistica che si snoda tra due importanti parchi naturali, il Tour du Mont Blanc, il Giro del Monte Rosa e il nuovo percorso che va dal Monte Bianco al Monte Rosa.

Unione Valdostana Giude Alta Montagna
www.guidealtamontagna.com
Tel. 0165/44448

Cooperativa Interguide
www.interguide.it
Tel. 0165/40939

www.guidecourmayeur.com
www.guidemonterosa.info
www.alptrekking.ch
www.montagneinvalledaosta.com
www.trekkingvda.it

Ufficio Regionale Informazioni Turistiche
Tel. 0165.236627
[email protected]
www.regione.vda.it

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Il botulino e… i cattivi pensieri

Un Hammam formato casa