Unghie: mandorla, stiletto, squadrate, quali e come scegliere

Dedicare del tempo per la cura del nostro aspetto dovrebbe essere il mantra dell’umanità intera. Non che sia un alibi – o forse sì – ma in questo mondo contemporaneo l’apparenza, ahinoi, fa la differenza. E allora scrolliamoci di dosso sensi di colpa e teletrasportiamoci dalla nostra estetista di fiducia. La manicure è prassi per le donne che amano coccolarsi e che prendono molto seriamente il proprio approccio con il mondo. Se per scegliere il colore di smalto perfetto (grandi protagonisti, quest’anno, saranno i colori pastello, sobri, ma super chic) impieghiamo energie cosa mi dite a proposito della forma dell’unghia?

Utilizzare la lima nel modo giusto può regalare grandi soddisfazioni e il risultato finale non solo sarà funzionale ma anche di gran lunga potenziato: la forma delle dita, la lunghezza, lo spessore sono tutti elementi da valutare quando limiamo le unghie. Esistono diversi modi per utilizzare la lima e approcciarsi a questo vasto universo potrebbe scoraggiare, se non lasciarci scettiche. Cerchiamo quindi di fare chiarezza, come limare le nostre unghie?

Unghie a mandorla

La febbre degli anni ’90 continua a colpire. Le unghie a mandorla hanno dettato legge durante il secolo scorso e oggi tornano spavalde a farsi rispettare. La forma è particolarmente indicata per chi ha dita corte che necessitano di slancio. Il nome deriva ovviamente dalla forma peculiare che hanno: devono sembrare vere e proprie mandorle.

La base vicina alle cuticole sarà molto più larga della punta che andrà, quindi, limata molto ma senza esagerare o avremo l’effetto stiletto. La forma a mandorla è perfetta per le unghie di medie dimensioni.

Unghie squadrate

Le unghie squadrate sono un buon compromesso tra forma rotonda e quella a mandorla. Sono perfette per chi ama smalti dai colori fluo e pop perché li rende non eccessivi; inoltre sono pratiche da gestire e anche da limare rinunciando alla forma simmetrica del rotondo.

Unghie a stiletto

Tutta l’anima aggressiva di una donna può trasparire anche dalle sue unghie. Detto fatto, le unghie a stiletto sono only for the brave. La punta dell’unghia dovrà essere così limata da sembrare quasi uno spillo. Forse non è la soluzione più pratica, soprattutto se portate lenti a contatto, ma l’effetto finale può apparire meno pungente di quanto sembri.

,

Unghie rotonde

Le unghie rotonde sono le più diplomatiche. Si adattano ad ogni occasione, a ogni tonalità di smalto e ad ogni funzione. La mano apparirà curata e raffinata e ci permetterà di sbizzarrirci con le nuance più pop in commercio. L’unica “complicazione” potrebbe riguardare la simmetria della forma ma con un po’ di esercizio tutto è possibile.

Unghie coffin o ballerina

Le preferite da Kylie Jenner le unghie coffin, o ballerina, partono dal concetto di stiletto e si fondono perfettamente con le forme quadrate.

Unghie a rossetto

Le più stravaganti di tutte e perfette per chi ha una ricostruzione semi-permanente o a gel le unghie a forma di rossetto non necessitano di spiegazioni. L’iconica forma a “lip stick” è evidentissima.

Unghie ovali

unghie ovali

Questa forma è particolarmente elegante. L’unghia ovale rappresenta il giusto compromesso tra la praticità dell’unghia rotonda e tendenzialmente corta e l’aggressività di quella a stiletto. La forma ovale tende ad allungare le dita, esalta il colore dello smalto che abbiamo scelto e rende il tutto estremamente femminile.

ovale

La forma ovale potrebbe ricordare quella a mandorla ma le due tipologie differiscono almeno per un dettaglio: la base della forma ovale è molto simile a quella della punta, cosa che non ritroviamo nella forma a mandorla, né tanto meno in quella a stiletto.

Avatar

Scritto da Natalina Ginsburg

Enzo Miccio organizza le nozze arcobaleno di Eva Grimaldi e Imma Battaglia

Enzo Miccio organizza le nozze arcobaleno di Eva Grimaldi e Imma Battaglia

Estate 2019, tornano le espadrillas!