Finge un tutorial sul trucco per denunciare i lager cinesi: oltre 5 milioni di visualizzazioni su Tik-Tok

In realtà l’obiettivo di Feroza Aziz, giovane ragazza americana era quello di lanciare un messaggio all’umanità

“Ciao ragazzi. Ora vi insegno come allungare le vostre ciglia. La prima cosa è mettere le ciglia nel piegaciglia” Feroza Aziz

Un video tutorial come tanti pubblicato su TikTok per insegnare alle sue coetanee come utilizzare un piegaciglia, si trasforma in una denuncia sociale contro i lager cinesi, l’obiettivo era quello di esprimere la sua opinione contro le persecuzioni dei musulmani uiguri disposte dal regime comunista.

Su Instagram

In un post pubblicato poi successivamente sul suo profilo Instagram Feroza Aziz ha poi spiegato che:

“in Cina il governo sta catturando i musulmani uiguri per chiuderli in campi di concentramento. Una volta entrato in questi campi, sei fortunato se esci. Esseri umani innocenti vengono assassinati, torturati, violentati e sottoposti a molto altro che non riesco nemmeno a descrivere. Stanno compiendo indisturbati un genocidio contro i musulmani. Non possiamo tacere su un altro olocausto. Siamo persone forti. Possiamo farcela. Solo se ci proviamo. Diffondere consapevolezza fa miracoli. Siamo in grado di raggiungere milioni in tutto il mondo”.

Lager cinesi

Il primo video pubblicato da Feroza Aziz è stato visto oltre 1,4 milioni di volte e ha ricevuto 500 mila like. La copia caricata su Twitter da alcuni utenti di TikTok ha fatto incassare oltre 5 milioni di visualizzazioni. La giovane americana ha postato il breve filmato il giorno dopo la pubblicazione da parte di un consorzio giornalistico internazionale, di cui fa parte anche la Bbc e il Guardian, di documenti classificati cinesi da cui si evince che tali campi, che Pechino si era affrettata a definire “di lavoro volontario”, sono dei veri e propri lager contro i gruppi musulmani dove viene rasa al suolo da abusi e torture di stampo ideologico e anche fisico.

Avatar

Scritto da chiaradinunzio

Lady Diana, rivelazione choc del capo dei Windsor: alcuni particolari scioccanti sull’incidente

Kaia Gerber look 2019: il Reformation Dress che dovremmo avere tutte nell’armadio