Fiera Internazionale del Libro 2008

Lo spazio di Lingotto Fiere a Torino ospita la XXI edizione della rassegna che si svolgerà dall’8 al 12 maggio

È la Bellezza il motivo conduttore dell’edizione 2008 della Fiera Internazionale del Libro che si svolgerà dall’8 al 12 maggio 2008 a Torino. Il tema è uno sviluppo di quello del 2007, i Confini. Fitto il calendario di incontri e di appuntamenti.

Che cosa può rispondere oggi ai canoni della Bellezza, in letteratura come nelle arti, nella musica, nelle scienze? Che cosa si richiede a un’opera? Dove passano i confini del bello e del brutto? Come sono cambiati nei secoli i criteri estetici, e quali sono i loro rapporti con l’etica? E quali i rapporti della bellezza con gli oggetti industriali prodotti su larga scala?
A queste domande risponde una fitta serie di «lezioni magistrali», di conversazioni e di dialoghi che vedranno impegnati filosofi come Remo Bodei, Sergio Givone, Giovanni Reale, antichisti come Luciano Canfora e lo storico dell’arte Paul Zanker in dialogo con Franco La Cecla, antropologo e architetto, maestri dell’architettura come Mario Botta, scrittori come Raffaele La Capria, Erri De Luca e Domenico Starnone, l’etologo Danilo Mainardi. Vittorio Sgarbi dimostrerà che il bello non coincide affatto con quel che piace. Silvia Ronchey e Giuseppe Scaraffia si interrogheranno sull’uso improprio della Bellezza. Verterà sulle bellezze della lettura la conversazione dello scrittore argentino Alberto Manguel. Quale potrebbe essere oggi il canone del romanzo? Ne discuteranno Alfonso Berardinelli, Andrea Cortellessa, Giorgio Ficara, Filippo La Porta, con Paolo Mauri.
Valerio Massimo Manfredi racconterà i canoni della Bellezza del mondo greco-romano, mentre Khaled Fouad Allam, il filosofo algerino Shaker Laibi e l’antropologa tunisina Lilia Zaouali ci parleranno della Bellezza nell’arte e nella letteratura islamica.

Focus speciale sulla letteratura israeliana che si è conquistata uno spazio sempre più vasto nel favore dei lettori europei, e in particolare italiani, per la sua capacità di coniugare il senso delle radici con una speciale attenzione per «l’altro», affrontando con coraggio i conflitti e le contraddizioni che lacerano le società contemporanee e che si riflettono esasperate nel microcosmo medio-orientale. Verranno a Torino scrittori che appartengono a generazioni diverse: da Aharon Appelfeld a Sami Michael, da Meir Shalev a Ron Leshem. In concomitanza con la Fiera, inoltre, il Museo del Cinema ospita una rassegna del cinema israeliano d’oggi, a cura di Grazia Paganelli.

Non mancheranno alcuni protagonisti della letteratura mondiale, da Gore Vidal a Yves Bonnefoy, da Aarto Paasilinna a Ildefonso Falcones. Tra i centenari, quelli dedicati a Giovanni Guareschi, Cesare Pavese ed Elio Vittorini, narratori ma anche editori, profondamente interessati al rapporto tra cultura e società.

Folta anche la rappresentanza degli autori italiani, tra narratori e saggisti, nomi famosi ed emergenti, tra cui Milena Agus, Magdi Allam, Enrico Brizzi, Giorgio e Caterina Calabrese, Mario Calabresi, Guido Davico Bonino, Giorgio Faletti, Marco Lodoli, Andrej Longo, Carlo Lucarelli, Dacia Maraini, Gianni Oliva. Tra i saggisti stranieri, Luce Irigaray, Corinne Maier, Youssef Courbage.
Dario Fo discuterà con Mario Tozzi e Cesare Martinetti delle sue recenti battaglie ambientali, mentre Tullio De Mauro ed Edoardo Sanguineti terranno due lezioni sui problemi della traduzione, nell’ambito del ciclo di incontri dedicati appunto ai traduttori letterari. Mons. Giuseppe Betori, segretario generale della Cei, terrà una lezione sulla bellezza della parola, in occasione della nuova traduzione della Bibbia.
E ancora: Enzo Bianchi viaggia tra i «popoli del libro» con la scrittrice-fotografa Monika Bulaj.
Infine Max Pezzali, il pianista Giovanni Allevi ed Elisa si presenteranno al Lingotto nelle vesti inedite di autori di libri.

Come ogni anno, tornano i convegni dedicati ai grandi temi della vita civile, gli spettacoli, Lingua Madre, dedicato alle identità culturali, ai meticciati, alle ibridazioni e agli incroci che hanno immesso nuova linfa nella mappa dell’espressività contemporanea, gli spazi dedicati ai nuovi editori, gli appuntamenti sulla traduzione, il Premio Alassio Internazionale 2008 che verrà consegnato allo scrittore spagnolo Javier Marías, il Bookstock Village, dedicato ai giovani di tutte le età, Libro e Cioccolato, libri antichi e rari e molto altro ancora.

Tra le novità, il progetto La voce della Costituzione, articolato in due cicli di incontri, e l’appuntamento con La poesia dorsale.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Festa della mamma: una borsa Braccialini

Festa della mamma: un giorno dedicato al benessere