Festival di Venezia 2013, trionfa Gianfranco Rosi

Leone d’oro per Sacro Gra
Dopo 15 anni, esattamente dalla vittoria di Gianni Amelio con “Così ridevamo”, l’Italia torna a trionfare al Festival del Cinema di Venezia.

La giuria della 70esima edizione della kermesse, presieduta da Bernardo Bertolucci e composta da Andrea Arnold, Renato Berta, Carrie Fisher, Martina Gedeck, Jiang Wen, Pablo Larraín, Virginie Ledoyen e Ryuichi Sakamoto dopo aver visionato tutti i 20 film in concorso, ha consegnato al “Sacro Gra” di Gianfranco Rosi il Leone d’Oro come Miglior Film.

Quindi, smentando tutti i pronostici, che davano favorito “Philomena” di Stephen Frears, è stato il documentario del regista romano sulle sette storie raccolte in 2 anni di lavoro intorno ai 70 km del Grande Raccordo Anulare di Roma, tra pescatori di anguille e lavoratori del Pronto Soccorso, a portare a casa l’ambito premio.

Il film con Judi Dench, torna a casa con la statuetta per la miglior sceneggiatura firmata da Steve Coogan e Jeff Pope.

Sul palco della Sala Grande del Palazzo del Cinema, Rosi ha ringraziato per l’opportunità di essere stato ammesso in concorso con un’opera di non-finzione, specificando che “non dobbiamo avere paura del documentario”.

Gianfranco Rosi e Bernardo Bertolucci

Nel palmares, anche il film “Via Castellana Bandiera” di Emma Dante: l’attrice 82enne Elena Cotta conquista la giuria e si aggiudica la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile.

Altri premi tricolore anche nella sezione Orizzonti (miglior film: “Eastern Boys” di Robin Campillo) con il film di Uberto Pasolini “Still Life”, premiato per la miglior regia.

Il premio speciale della giuria è andato a “La moglie del poliziotto” di Philip Groening, mentre la famiglia segnata da violenza e drammi, raccontata Alexandros Avranas in “Miss Violence”, ha conquistato il Leone d’Argento per la miglior regia e la Coppa Volpi maschile, assegnata al “cattivo” Thermis Panou.

Il Gran Premio della Giuria è invece stato conferito a “Cani Randagi” del regista e sceneggiatore taiwanese di origini malesi Tsai Ming-liang.

Il Premio Mastroianni al miglior attore esordiente è andato invece a Ty Sheridan, protagonista con Nicolas Cage di “Joe” di David Gordon Green, dove interpreta il figlio di un padre manesco e alcolizzato “salvato” appunto da Cage.

Il Leone del futuro – Premio Venezia Opera Prima Luigi De Laurentiis è stato assegnato a “White Shadow” di Noaz Deshe, prodotta da Ginevra Elkann, Noaz Deshe, Francesco Melzi d’Eril e coprodotta anche dall’attore americano Ryan Gosling.

Coppa Volpi a Elena Cotta

VENEZIA 70

LEONE D’ORO per il miglior film a:
SACRO GRA di Gianfranco Rosi (Italia, Francia)

LEONE D’ARGENTO per la migliore regia a:
Alexandros Avranas peril film MISS VIOLENCE (Grecia)

GRAN PREMIO DELLA GIURIA a:
JIAOYOU di Tsai Ming-liang (Taipei cinese, Francia)

COPPA VOLPI
per la migliore interpretazione maschile a:
Themis Panou
nel film MISS VIOLENCE di Alexandros Avranas (Grecia)

COPPA VOLPI
per la migliore interpretazione femminile a:
Elena Cotta
nel film VIA CASTELLANA BANDIERA di Emma Dante (Italia, Svizzera, Francia)

PREMIO MARCELLO MASTROIANNI
a un giovane attore o attrice emergente a:
Tye Sheridan
nel film JOE di David Gordon Green (Usa)

PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a:
Steve Coogan e Jeff Pope
per il film PHILOMENA di Stephen Frears (Regno Unito)

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a:
DIE FRAU DES POLIZISTEN di Philip Gröning (Germania)

LEONE DEL FUTURO – PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS) a:
WHITE SHADOW di Noaz Deshe (Italia, Germania, Tanzania)

PREMI ORIZZONTI
La Giuria Orizzonti della 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, presieduta da Paul Schrader e composta da Catherine Corsini, Leonardo Di Costanzo, Golshifteh Farahani, Frédéric Fonteyne, Kseniya Rappoport, Amr Waked, dopo aver visionato i 31 film in concorso, assegna:

PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR FILM a:
EASTERN BOYS di Robin Campillo (Francia)

PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE REGIA a:
Uberto Pasolini per STILL LIFE (Regno Unito, Italia)

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA ORIZZONTI a:
RUINdi Michael Cody e Amiel Courtin-Wilson (Australia)

PREMIO SPECIALE ORIZZONTI PER IL CONTENUTO INNOVATIVO a:
MAHI VA GORBEH di Shahram Mokri (Iran)

PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO a:
KUSHdi Shubhashish Bhutiani (India)

PREMI VENEZIA CLASSICI
la Giuria composta da studenti di cinema provenienti da diverse Università italiane: 28 laureandi in Storia del Cinema, indicati dai docenti di 13 DAMS e della veneziana Ca’ Foscari, ha deciso di assegnare i seguenti premi:

PREMIO VENEZIA CLASSICI PER IL MIGLIOR DOCUMENTARIO SUL CINEMA a:
DOUBLE PLAY: JAMES BENNING AND RICHARD LINKLATER di Gabe Klinger (Usa, Portogallo, Francia)

PREMIO VENEZIA CLASSICI PER IL MIGLIOR FILM RESTAURATO a:
LA PROPRIETÁ NON È PIÙ UN FURTOdi Elio Petri (Italia, Francia)

EUROPEAN SHORT FILM AWARD 2013 – EFA a:
HOUSES WITH SMALL WINDOWS di Bülent Öztürk (Belgio)

LEONE D’ORO ALLA CARRIERA 2013
William Friedkin

JAEGER-LECOULTRE GLORY TO THE FILMMAKER
Ettore Scola

PREMIO PERSOL
Andrzej Wajda

PREMIO L’ORÉAL PARIS PER IL CINEMA
Eugenia Costantini

Avatar

Written by Monica

Salone di Francoforte 2013

New York Fashion Week PE 2014, venerdì