Festival di Locarno 2013

Dal 7 al 17 agosto
Sta per aprire i battenti una delle kermesse cinematografiche più democartiche e suggestive del Vecchio Continente.

Dal 7 al 17 agosto è in programma la 66esima edizione del Festival del film Locarno in cui viene assegnato annualmente il Pardo d’oro.

L’atmosfera della manifestazione elvetica è impagabile: la Piazza Grande di Locarno si trasforma in una sala di proiezione d’eccezione, una delle più grandi del mondo, con uno schermo di 26 metri di lunghezza e 14 di altezza, che consente la visione ad una platea di 8.000 spettatori.

Tra i 16 titoli proiettati sullo schermo gigante della piazza, anche “La variabile umana” di Bruno Oliviero, con protagonista una Milano sofferente in cui si svolgono le vicende dei personaggi, interpretati da Silvio Orlando, Giuseppe Battiston, Sandra Ceccarelli e Alice Raffaelli.

Il film d’apertura di Piazza Grande sarà “2Guns (Cani Sciolti)” action-thriller di Baltasar Kormákur con gli attori hollywoodiani Denzel Washington e Mark Wahlberg, che uscirà nelle sale italiane a fine ottobre.

La selezione Fuori concorso, invece sarà inaugurata da Andrea Segre con il suo “Indebito”, lungometraggio con Vinicio Capossela protagonista, che racconta il lento declino della Grecia.

Il Concorso internazionale comprende 20 opere, di cui 18 in prima mondiale: spazio a registi giovani ma già conosciuti dai frequentatori dei festival (Porumboiu, Serra, i fratelli Vega, Mouret, Cattet-Forzani, Delbono), a registi che ritornano a Locarno (Aoyama, Gianikian-Ricci Lucchi, Imbach), ma anche a quelli che ritornano al cinema (Yersin, Tso chi Chang) e a nomi nuovi (Wnendt, Cretton, Pinto, Hogg, Brac).

L’unico film italiano in concorso è di Pippo Delbono, “Sangue”, girato con un semplice telefonino e una piccola camera, che racconta l’incontro tra il regista e l’ex brigatista Giovanni Senzani.

Il Festival del Film Locarno dedica la retrospettiva al celebre regista hollywoodiano George Cukor, presentando l’intera opera cinematografica del maestro: verranno proiettate circa cinquanta pellicole (tra le quali Ricche e Famose, My Fair Lady, È nata una stella, Sangue misto), accompagnate da tavole rotonde e dibattiti animati da cineasti, attori e critici.

Fra gli ospiti, Werner Herzog che riceverà il Pardo d’onore, oltre a presentare la seconda serie dei suoi documentari Death Row.

Il Pardo alla carriera, poi, andrà a Otar Iosseliani e Sergio Castellitto, di cui verranno proiettati i capolavori più rappresentativi del loro talento.

L’attore britannico Christopher Lee e l’attrice spagnola Victoria Abril riceveranno l’Excellence Award Moët & Chandon, che ogni anno premia i migliori protagonisti della scena cinematografica internazionale, negli anni scorsi vinto da Susan Sarandon, John Malkovich, Michel Piccoli, Toni Servillo, Isabelle Huppert e, nel 2012, Charlotte Rampling e Gael García Bernal.

La Abril, musa di Vincente Aranda e Pedro Almodóvar, riceverà il premio in Piazza Grande la sera di sabato 10 agosto.
Nella tradizione di Locarno, il pubblico del Festival avrà la possibilità di assistere anche a una conversazione con l’attrice allo Spazio cinema (Forum), sabato 10 agosto alle 13.30.

In suo onore, inoltre, verranno inoltre proiettati due film: “Legami!” di Pedro Almodóvar (1990) e “101 Reykjavik”, opera prima di Baltasar Kormákur (regista del film d’apertura “2 Guns”) presentata in Concorso a Locarno nel 2000.

Festival di Locarno 2013

www.pardo-ch

Avatar

Written by Monica

Saks Fifth Avenue a Hudson Bay

Robert Pattinson, in vasca per Dior