Festival di Cannes 2014, le pagelle beauty

Parla l’esperto

Terminata la 67° edizione del Festival di Cannes con la Palma d’Oro assegnata al film Winter Sleep del regista turco Nuri Bilge Ceylan, eccoci ora a tirare le fila su una kermesse ricca di sorprese anche se forse, un po’ meno scintillante del solito.

Noi di Luxgallery abbiano seguito la manifestazione giorno per giorno, analizzando, con attenzione e occhio critico, tutti i look sfoggiati dalle star presenti sulla Croisette, dal primo all’ultimo red carpet senza dimenticarci anche dei maschietti protagonisti a Cannes.

Non sono mancati naturalmente i party tra cui, come da tradizione, ha primeggiato l’Amfar Gala e la nostra personale classifica delle star più glamour della kermesse cinematografica.

Parlando di tradizioni, con la conclusione di Cannes 2014, non può mancare nemmeno la consueta chiacchierata con Enrico, il nostro hair stylist di fiducia, che per noi ha stilato le sue pagelle beauty.

“Devo dire che quest’anno è stata dura, nessuna brillava per eccellenza – ha messo le mani avanti Enrico, continuando – partiamo comunque con le migliori”.

“Sul gradino più basso del podio, ma comunque bellissima, metterei Uma Thurman. Grazie alle acconciature scelte la sua dolcezza si arma di carattere creando una fusione perfetta con il mood scelto per il red carpet….un inno alla spensieratezza”.

“Al secondo posto – continua l’hair stylist comasco – Marion Cotillard. Il suo look è la prova che quando una ventata di freschezza incontra una ricerca ben mirata, ecco che non si cade nel ridicolo ma anzi si dà vita a una vera e propria interpretazione artistica”. Un bel risultato per la bella attrice francesce che 12 mesi fa si era guadagnata una medaglia di bronzo, ma tra le peggiori.

“Meritatissimo primo posto per Cate Blanchett. Sempre sobria, raffinata ed elegante come una diva d’altri tempi si è presentata a Cannes impeccabile in ogni sua apparizione. Nel suo caso non possiamo che dire, la classe non è acqua, e nemmeno il buon gusto”.

Tra le più belle dunque tre attrici diverse, sia per stile che per aspetto, ma che hanno saputo interpretare i trend di stagione con grazia e personalità.
E se Uma Thurman, Marion Cotillard e Cate Blanchett devono essere fonte d’ispirazione per i look da sfoggiare questa estate 2014, eccoci alle note dolenti. Sul tappeto rosso di Cannes non sono mancati infatti anche colossali scivoloni.

“Intellettuale e preparatissima, ma in fatto di look non ci siamo proprio. Al primo posto tra le peggiori non posso che mette la Presidente della Giuria Jane Campion. Forse più che al Festival di Cannes pensava di essere in un’aula di tribunale con causa in corso proprio sui suoi capelli. Verdetto finale…bianchi si ma sciolti nooo, e poi per carità diamoci un taglio”.

“Al secondo posto, e a malincuore, non posso che mettere la nostra amatissima Monica Bellucci. Bella e affascinante come sempre ha scelto, sbagliando, un look da bambina prodigio. Quando l’ho vista ho pensato: che fine ha fatto Baby Jane? Per lei molto meglio un carre’ sensuale alla Valentina di Crepax”.

“Chi ha creato il look a Rosario Dawson ha poi infranto la prima regola di un perfetto stylist: non copiare per cercare di stupire a tutti i costi, il look risulterà falso e artefatto, e così è stato. Il risultato è un bel quadro ma con la cornice sbagliata, rimane sempre e comunque meglio l’originale Alice Dellal”.

Enrico Hair Stylist

Avatar

Written by Francesca

Global Powers of Luxury Goods 2014

Grinta, la birra al tartufo