Festa delle donne 2018: idee di viaggio e consigli per un viaggio “da sole”

Festa delle donne 2018: ecco alcune idee e consigli per provare l’esperienza di una vacanza in solitaria

Alla vigilia della Festa delle donne 2018, Momondo ha deciso di stilare una classifica delle idee di viaggio e dei consigli per una vacanza “in solitaria”. Negli ultimi anni, infatti, molte viaggiatrici hanno deciso di scrollarsi di dosso i pregiudizi per provare un’esperienza che potrebbe rivelarsi una delle più belle della propria vita, ovvero andare alla scoperta di luoghi e culture nuove viaggiando totalmente da sole e provando quindi ad avvicinarsi alle persone del posto. Ma quali sono le mete più adatte e i consigli per vivere quest’esperienza?

Secondo Momondo non c’è dubbio. Queste sono le regole per partire da sole:

  • 1. Uscire dalla comfort zone – Viaggiare sole offre la possibilità di organizzare le attività in totale autonomia, il rischio potrebbe essere quello di non uscire mai dalla propria zona di comfort, rimanendo intrappolate nelle proprie abitudini. È bene conoscere i propri punti di forza e procedere secondo i propri ritmi, ma senza dimenticare di sfidare qualche piccolo limite.
  • 2. Assaggiare il cibo locale – La scoperta di una destinazione passa spesso dal cibo, espressione totalizzante di gusti, mix di sapori e profumi che in un solo assaggio raccontano la storia e le tradizioni di un luogo. Per questo, immergersi nella cultura locale significa anche visitare i mercati del luogo o assaggiare il cibo di strada senza pregiudizi.
  • 3. Preparare i bagagli con astuzia – Una delle regole da non sottovalutare è l’organizzazione puntuale della valigia, in quanto è fondamentale non esagerate con i bagagli, evitando così di dover trasportare da sole pesanti borse.
  • 4. Imparate qualche parola nella lingua del posto – Per sentirsi a proprio agio e aver modo di interagire con gli abitanti del luogo, anche con piccoli gesti di cortesia, è importante imparare alcune parole nella lingua locale – come “per favore”, “grazie”, “sì”, “no” – al fine di trasmettere la propria apertura e la volontà di avvicinarsi alla cultura del Paese che si sta visitando.
  • 5. Sfruttate al massimo i vostri contatti sul posto – Quando si viaggia sole, contattare eventuali conoscenti per ottenere più informazioni possibili sulla meta darà un valore aggiunto al viaggio. Infatti, conoscendo qualcuno del posto, si avrà modo di scoprire qualche angolino fuori dalle solite rotte.

Le mete perfette? Per le Fashion addicted non esistono destinazioni migliori di Parigi, New York o Marrakech; le sportive potrebbero invece concedersi una vacanza in Tanzania alla scoperta della stupenda barriera corallina o in Patagonia, per fare trekking come mai prima. Il Giappone è invece la meta migliore per tutte le donne romantiche che vogliono ammirare i ciliegi in fiore; Fes è infine la destinazione migliore per tutte le donne che amano assaporare cibi tradizionali.

Written by Rebecca Fassone

Salone di Ginevra 2018: Maserati presenta le edizioni “Nerissimo” di Levante, Ghibli e Quattroporte

Festa delle donne 2018: Alessia Marcuzzi presenta la sua prima capsule collection per la Rinascente