Ferrari P4/5 firmata Pininfarina

Salone dell’Automobile di Parigi 2006

Lo stand del Cavallino presente al Mondial de l’Automobile 2006 ha mostrato quanto di più emozionante si possa ammirare nel panorama automobilistico.
Infatti, in prima assoluta in Francia, la Ferrari ha presentato: la 599 GTB Fiorano che completa una gamma interamente rinnovata in poco più di due anni e la F430 Spider, ma vero fiore all’occhiello della casa automobilistica modenese è una ‘special’ d’autore ossia la Ferrari P4/5 by Pininfarina.

Dopo la Ferrari 612 Scaglietti ‘k’ un’altra scultura a quattro ruote griffata dalla carrozzeria di lusso Made in Italy, riempie gli occhi e il cuore di tutti gli appassionati. Infatti, la Ferrari P4/5 è una fuoriserie realizzata per Mr. James Glickenhaus, collezionista americano con una particolare predilezione verso le leggendarie auto da corsa degli anni ’60 .
Alla Pininfarina si sono occupati di trasformare quello che fino a pochi mesi fa era un semplice sogno; partendo da una Ferrari Enzo, l’obiettivo era di realizzare una vettura unica non show-car, ma bensì un’auto da poter guidare su strada ispirata alle sport racing car.

Stile e creatività di progettazione hanno portato alla realizzazione di più di 200 componenti specificatamente sviluppati per la P4/5, dai fari allo bi-xeno studiati con un innovativo sistema di led gialli e bianchi ai cerchi in lega – di alluminio da 20 pollici – fresati dal pieno, fino alle cerniere a vista in alluminio e acciaio speciale. La carrozzeria, realizzata interamente in carbonio, regala fluenti linee alla vettura caratterizzata da un frontale capace di evidenziare allo stesso tempo funzionalità aerodinamica e novità estetica con un profilo affusolato; il parabrezza è a guscio unico mentre l’accesso all’interno dell’abitacolo avviene attraverso due porte con apertura a farfalla. Il posteriore è segnato da un lunotto trasparente a goccia che funge anche da coprimotore e da cui fuoriescono gli scarichi rivestiti in ceramica bianca, dettaglio ‘rubato’ alle automobili da corsa degli anni ’60.

Nella Ferrari P4/5 anche gli interni sono stati pensati e disegnati ad hoc; sulle superfici pulite, tipiche della filosofia Pininfarina, che caratterizzano l’abitacolo domina il rosso, in un mix di sportività e classe, eleganza e innovazione.

Eccezionale creatività, know-how e macchine a dir poco eccezionali sono le caratteristiche tipo che caratterizzano le edizioni speciali Pininfarina, progetti frutto di un’interazione costante fra stile e progettazione e dati dalla simbiosi tra il committente e i design per offrire a clienti speciali una vera e propria esperienza che va oltre alla semplice possibilità di realizzarsi la propria vettura e la Ferrari Enzo non poteva non essere fonte d’ispirazione.

Avatar

Written by Redazione

33esima Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea di Parigi

Maschere e olio di argane per Galénic