Europei 2008: i sapori dell’Austria

Dai bar di Vienna ai ristoranti della Carinzia, dai canederli alla sacher, idee e indirizzi per un soggiorno gourmet nel paese di Mozart

In Austria i tifosi e gli appassionati che assisteranno agli Europei di Calcio 2008, troveranno una cucina con notevoli differenze regionali, dai canederli delle regioni occidentali agli influssi boemi e ungheresi nelle regioni orientali. Non ci sarà quindi solo l’occasione di assaggiare la torta Sacher originale all’omonimo caffè viennese o le originali Mozartkugel del Café Fürst di Salisburgo ma anche il modo di provare piatti di diversa derivazione e dolci di ogni genere.

Il luogo migliore dove gustare cibi tradizionali ed esotici, è il Naschmarkt di Vienna, con le sue bancarelle con prodotti provenienti da tutto il mondo, circondato da ristoranti con tavoli all’aperto e bar. La più ampia selezione di specialità austriache si può trovare al negozio che comprende wine bar e ristorante Meinl am Graben sempre nella capitale. Gli amanti del cioccolato non possono perdere Linzbichler, un piccolo negozio di Graz, dove si trova il dolce in mille declinazioni, fra cui quello del famoso marchio stiriano Zotter.

Tra i ristoranti tipici, ecco a Vienna, la più antica trattoria della città il Griechenbeisl, il Gasthaus Überfuhr di Salisburgo e il Weiße Rössl di Innsbruck che propongono cucina tradizionale.

Tra i ristoranti gourmet ecco l’Ikarus, nell’hangar 7 dell’aeroporto di Salisburgo, sullo sfondo di una flotta di velivoli storici, guidato dallo chef Roland Trettl. Qui ogni mese la cucina è affidata a un diverso cuoco di fama internazionale.  Cibi raffinati in piccole porzioni, servite in cono, per il Carpe Diem Finest Fingerfood con lo chef Jörg Wörther sempre a Salisburgo.

Punte di diamante della gastronomia austriaca lo Steirereck di Vienna che da qualche tempo comprende anche un bar e un ristorante light e il Lichtblick di Innsbruck che propone una cucina internazionale di tendenza. I piatti tipici tirolesi in un’atmosfera di charme si possono gustare all’Europa, mentre gli amanti del pesce non potranno perdere il Maria Loretto di Klagenfurt in Carinzia.

Chi ha in programma un soggiorno a Vienna, dovrà conoscere l’atmosfera dei Caffè, come l’Hawelka, il più famoso della città, considerato uno degli ultimi grandi caffè di artisti e letterati secondo la tradizione mitteleuropea. Fu frequentato da grandi nomi della cultura austriaca, fra cui Oskar Werner, H.C. Artmann e Helmut Qualtinger. Una visita è d’obbligo non solo per il caratteristico ambiente, ma soprattutto per i Buchteln (brioche con marmellata). Tra gli altri il Café Landtmann che vanta ospiti quali Marlene Dietrich, Romy Schneider, Hillary Clinton e Paul McCartney e Halle al MuseumsQuartier.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Rolls Royce RR4: dinamismo e innovazione

A Venezia l’arte all’asta