Emily Ratajkowski ci mostra il perfetto vestito anti caldo: gli accessori sono importantissimi

Ricorda sempre che scarpe ed accessori hanno il superpower di stravolgere un look

Le cinture a catena sono viste come un simbolo degli anni ’90 e sicuramente sono predisposte per assegnare quel valore in più a un outfit che altrimenti risulterebbe normale. Aggiungono colore, charm ed eleganza. Indossare efficacemente cinture a catena su top e abiti è un’armonia tra lo stile, il colore, la posizione della cintura, e, certamente, l’effetto che si vuole ottenere. Ti senti più gitana o chic?

Bianco e a coste

L’ispirazione più grande arriva d’oltralpe (davvero molto oltre), con precisione la troviamo a calpestare le roventi strade di New York. Si tratta della favolosa Emily Ratajkowski, che alla chain belt (cintura a catena, ndr) ha abbinato un long dress davvero nineties, rievocando una combo davvero micidiale. Emily Ratajkowski indossa un vestito bianco di Mango che rientra a pieno titolo in quel ritorno della moda anni 90 fatto di vestiti da donna a coste e con le spalline sottili che hanno popolato tutti i teen movies e le serie tv di quegli anni.

Copiamo Emily Ratajkowski

I vestiti lunghi estivi da puntare in quella che si preannuncia essere una lunga estate caldissima, devono avere 3 caratteristiche: lasciare le caviglie scoperte, possedere delle spalline sottili ed abbracciare (non amichevolmente) le tue forme. Una volta pescato il modello che più ti valorizza, puoi svoltare l’outfit proprio come Emily Ratajkowski, ricorda sempre che scarpe ed accessori hanno il superpower di stravolgere un look. Una fra le modelle più sexy in circolazione ha infatti abbinato al suo vestito midi due accessori di cui prendere subito nota. Uno è la cintura a catena, Emily indossa la cintura Carey, sempre di Mango, che valorizza il suo fisico (cos’è che non valorizza il suo fisico, scusate?) ed il suo punto vita, l’altro sono le scarpe moda del 2019: le sneakers.

Avatar

Scritto da Erika Barone

Chiara Ferragni pubblicizza il brand di Giulia De Lellis: anche i migliori sbagliano

Il Casale di Grimoli: incontro gourmet tra mare e Chianti