Elettra Lamborghini e M¥SS KETA: il quasi bacio sul palco di Sanremo

La reginetta italiana del twerking e la rapper mascherata hanno risvegliato la platea dell’Ariston con un’interpretazione fuori dagli schemi di “Non Succederà Più”

Alla terza serata del Festival di Sanremo 2020 è successo qualcosa di inaspettato. Elettra Lamborghini duetta insieme a e M¥SS KETA, il brano di Claudia Mori, “Non Succederà Più”. Il web esplode per il momento tanto atteso, mentre probabilmente il pubblico dell’Ariston (meno giovane) è rimasto interdetto.

Che scandalo!

La regina del twerking e la rapper mascherata, durante l’esibizione simulano anche un bacio per scaldare l’atmosfera, ma obiettivamente entrambe confermano di non avere nelle “corde” per quel genere di canzone. L’impegno c’è, come la voglia di dare spettacolo, però la voce lascia a desiderare, tra stecche e momenti fuori tempo.

M¥SS KETA

Il personaggio di Myss Keta nasce ad agosto 2013 da un’idea del collettivo Motel Forlanini, interessato a cogliere lo Zeitgeist della cultura underground di Milano. Il 20 aprile 2018 viene pubblicato dalla Universal Records il suo primo album, “Una vita in Capslock”. Il disco simula una discesa agli inferi tra problematiche sociali e demoni interiori, per poi giungere alla catarsi delle ultime due tracce. Il 4 dicembre esce l’autobiografia “Una donna che conta”, che racconta la vita fittizia della rapper dal viso mascherato.

Elettra

Neanche a dirlo, l’ereditiera e la cantante misteriosa hanno dato spettacolo sul palco di Sanremo, infiammando il pubblico con un bacio saffico mancato. Sì, perché le due si sono avvicinate in modo audace ma si sono fermate proprio poco prima di sfiorarsi le labbra. Tanto è bastato però per lanciare una provocazione e richiamare alla memoria un altro momento musicale entrato nella storia mondiale, quello tra Madonna e Britney Spears.

Avatar

Scritto da chiaradinunzio

Milano Fashion Week A/I 2020: tutto quello che c’è da sapere

Jennifer Lopez sogna l’Italia, il vicesindaco di Triora le invia una lettera