Dolce&Gabbana, lo store di Piazza di Spagna a Roma rinnovato all’insegna del lusso

Dolce & Gabbana torna a far parlare di sé. Questa volta le voci sul brand tra i più noti del fashion system non riguardano le polemiche sulla campagna pubblicitaria per il mercato cinese, ma l’intensa opera di restyling degli store che mira a migliorare l’immagine del marchio in tutto il mondo. Roma e Londra sono le location “prese di mira” per prime dal progetto della Maison.

Dopo gli store in via Condotti, a Roma e Londra, in Old Bond Street, il cambio look questa volta tocca al negozio di Piazza di Spagna, Trinità dei Monti è praticamente dietro l’angolo e la location è extra luxury. Lo splendore della città eterna, con la solennità dei suoi monumenti, la bellezza delle sue memorabili rovine, il fascino di una storia intramontabile, rivive all’interno della nuova boutique di Dolce&Gabbana attraverso i maestosi spazi di un palazzo romano del Cinquecento. Il negozio si sviluppa su due piani ed è pensato per una città sinonimo di magnificenza e unicità in tutto il mondo.

Anche chi non si dice non interessato al fashion system non può che rimanere ammaliato dall’eleganza e maestosità dello store che ospita le collezioni della Maison meneghina. Il Michelangelo Buonarroti di Dolce&Gabbana è Eric Carlson, archistar dello studio Carbondale che ha saputo ancora una volta esplorare le affascinanti maestranze artigianali italiane.

Lungo tutto il perimetro superiore delle pareti del piano terra sono riprodotte scritte latine, intarsiate in mosaico oro, tratte da componimenti poetici e lettere di celebri scrittori dell’antichità: un tributo a una città che è stata culla di uomini e pensatori che hanno lasciato un segno indelebile nella storia della letteratura. Alla luce del primo chandelier, un mosaico circolare con tessere intarsiate a mano da artigiani locali riproduce la Lupa, simbolo per eccellenza di Roma. Il soffitto è caratterizzato da due cupole completamente rivestite a mano con tessere di mosaico di differente dimensione e tonalità di colore.

Una scala monumentale in marmo conduce al primo piano della boutique, non prima di aver oltrepassato una galleria simile a uno spazio paradisiaco: un invito verso un’esperienza sensoriale. Qui storia, tradizione e tecnologia trovano il loro armonico compimento in monitor, presenti su una delle due pareti della galleria e sul soffitto a semi-volta, proiettanti un cielo in movimento abitato da angeli del Paradiso che si replicano sul lato opposto a specchio, creando una volta completa. Se è questo lo spettacolo che incanta lo sguardo dello spettatore rivolto al cielo, un altro si dispiega sulla superficie dei pavimenti in cui sono presenti tre mosaici a forma circolare intarsiati in marmo azul boquira e raffiguranti putti che portano le scritte: Paradiso, Amore e Bellezza.

Proseguendo sul piano, si incontra un primo spazio dedicato alla gioielleria per poi ritrovarsi nelle due aeree più ampie in cui a prevalere sono tappeti e pareti realizzati con marmi di differenti colori. Infine, è il regno della sartoria che regala un ultimo sguardo sul mondo Dolce&Gabbana: qui a essere protagoniste sono tre tipologie di legno, l’Ebano, il Redgum e il Canaletto, che donano un tocco di impeccabile eleganza alle pareti; i pavimenti sono ricoperti ancora una volta da un tappeto di marmo intarsiato. L’esperienza di shopping non è mai stata più regale di così.

Louis Vuitton new opening a Firenze: un eden da 10 milioni di euro

Avatar

Scritto da Natalina Ginsburg

Chiara e Valentina Ferragni come popstar anni ’80 per il compleanno della sorella Francesca

paradise kiss

Paradise Kiss, la saga Panini Comics ambientata nel mondo della moda