Designs of the Year 2015, i vincitori

Delle 6 categorie in gara
Dopo aver annuciato a febbraio la lista dei 76 candidati in lizza per il titolo di Designs of the Year 2015, il London Design Museum ha espresso i suoi verdetti finali.

La rosa dei “nominati” comprendeva studi di progettazione e professionisti provenienti da oltre 30 Paesi di tutto il mondo, selezionati da una giuria esperti di design guidata dal Presidente Kapoor Anish, e formata dallo sculture e fashion designer Nicole Farhi, da Tom Lloyed dello studio di design PearsonLoyd e dall’architetto e professore della Harvard Graduate School of Design Farshid Moussavi.

Ma ecco chi sono i vincitori rispettivamente delle categorie architettura, digitale, moda, grafica, prodotto, trasporti:

UC Innovation Center, edificio universitario eco-friendly progettato dallo studio Elemental in Cile
The Ocean Cleanup, una campagna contro l’abbandono in mare di rifiuti plastici realizzata da Boyan Slat, Jan de Sonneville PhD e Erwin Zwart
– La collezione autunno inverno 2013-2014 di Thomas Tait
Inglorious Fruits & Vegetables, una campagna pubblicitaria contro l’eccesso di rifiuti alimentari ideata da Marcel per la catena di supermarcati francesi Intermarché
Human Organs-on-Chips, progetto di Donald Ingber e Dan Dongeun Huh volto a studiare gli effetti della droga senza ricorrere alla sperimentazione animale
Google self-driving car, un prototipo di auto con guidatore automatico concepito YooJung Ahn, Jared Gross e Philipp Haban

In gara, nella sezione architettura, non è mancato un nome noto nel mondo del lusso, Louis Vuitton, che l’ottobre scorso ha aperto a Parigi il suo tempio dell’arte contemporanea progettato dall’archistar Frank Gehry.

In attesa di scoprire il vincitore assoluto dei Designs of the Year 2015, svelato il prossimo 4 giugno, non perdete la gallery con i progetti premiati che resteranno in mostra al London Design Museum dal 25 marzo al 23 agosto.

Written by Chiara

Trofeo Chopard 2015, le foto

Festival di Cannes 2015, tutti pazzi per Inside Out