David di Donatello 2014, vincitori e red carpet

Virzì e Sorrentino superstarCome da pronostici, Paolo Sorrentino e Paolo Virzì sono stati i veri trionfatori degli Oscar del Cinema Italiano.

I due registi si sono divisi equamente i David di Donatello 2014: se La grande bellezza ha vinto 9 statuette, tra cui quello per la miglior regia, Il capitale umano, ne conquista due in meno ma più prestigiosi tra cui il miglior film dell’anno, miglior sceneggiatura, migliori attori non protagonisti e miglior attrice protagonista.

La pellicola premio Oscar ha ottenuto anche i David per il produttore (Nicola Giuliano e Francesca Cima per Indigo Film), gli effetti digitali (Rodolfo Migliari e Luca Della Grotta per Chromatica), il miglior direttore della fotografia (Luca Bigazzi), miglior acconciatore (Aldo Signoretti), miglior truccatore (Maurizio Silvi).

Virzì, che ha ritirato il premio dalle mani di Stefano Accorsi, ha dichiarato: “Sono molto emozionato. Era già una bella festa essere qui con tutti i reparti nominati, era già un grande regalo”.

Sempre durante la serata in diretta dagli Studi Rai di Nomentano 5, il regista livornese ha rivolto un pensiero al cinema italiano: “Alterniamo momenti di oscuramento a exploit miracolosi. A gennaio abbiamo celebrato la morte del cinema italiano e poi è accaduto quel che è accaduto. Sono orgoglioso di far parte di questa famiglia. Dedico questo premio agli straordinari esordienti di quest’anno”.

Anche i quattro migliori attori italiani del 2014, sono gli interpreti dei due film che hanno monopolizzato questa edizione dei David.

Se il migliore protagonista è Toni Servillo per il ruolo di Gep Gabardella nella pellicola di Sorrentino, il film di Virzì ha portato a casa i riconoscimenti per tre dei suoi attori candidati: Valeria Bruni Tedeschi (migliore protagonista femminile), Fabrizio Gifuni e Valeria Golino (migliori non protagonisti maschile e femminile).

Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, con La mafia uccide solo d’estate ha vinto sia David di Donatello al miglior regista esordiente sia il David Giovani.

“Devo confessare che se non avessi vinto mi sarei veramente arrrabbiato, ha detto sorridendo il regista nel ricevere il premio dalle mani di Gabriele Salvatores, sottolineando che “o vinci subito, all’esordio, o non vinci più”. E ha aggiunto: “Ho girato a Palermo senza pagare il pizzo, che è un esordio anche questo”.

Ha vinto come Miglior film dell’Unione Europea Philomena di Stephen Frears, mentre il David al Miglior film straniero è andato a Grand Budapest Hotel di Wes Anderson.

Il primo dei premi speciali è andato a Sophia Loren, per la sua interpretazione de La Voce Umana, diretta dal figlio Edoardo Ponti, a cui è toccato consegnarle il David; “il più bel momenento della mia vita”, ha detto l’attrice visibilmente commossa.

E poi, il regista Marco Bellocchio, premiato “per la sua carriera di regista e di scrittore di cinema” e il produttore Andrea Occhipinti che con la Lucky Red, di cui è proprietario, “ha scritto felicissime pagine in Italia nella storia della distribuzione di un cinema rispettoso delle migliore istanze culturali”.

Tutte le foto più belle della serata nella gallery!

Sophia Loren ai David di Donatello 2014

Avatar

Written by Monica

Jason Wu per Lancôme

Donatella Bianchi e’ il nuovo Presidente WWF