Damiani restaura Santa Maria delle Grazie

Terminato il restauro degli archi interni e dei dipinti di Bernardino Butinone iniziato nel 2004 

Santa Maria delle Grazie è tornata al suo originario splendore.
La Basilica, nota in tutto il mondo per ospitare il Cenacolo, è un eccezionale capolavoro artistico della Milano rinascimentale realizzato nella seconda metà del Quattrocento.

Nel 2004, grazie ai finanziamenti del Gruppo Damiani, sono iniziati i lavori di restauro sui dipinti murali delle paraste e dei sott’archi dei cinque archi della navata laterale sinistra, sulle colonne con capitello corinzio e sul paramento lapideo del pilastro della navata sinistra all’incrocio con la tribuna.

Ieri è stata ufficializzata la fine dei lavori nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nel prestigioso Chiostro del Bramante, adiacente alla  Basilica stessa, alla presenza del Soprintendente per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano architetto Alberto Artioli e al professor Vittorio Sgarbi che ha tenuto una conferenza su Bernardino Butinone e ha illustrato nel dettaglio i lavori di restauro.

“Il nostro impegno nei confronti dell’arte, della storia e della città di Milano che ospita la Chiesa – ha dichiarato Guido Damiani – è un contributo che abbiamo fortemente voluto per restituire a tutti un capolavoro nel suo massimo splendore, peraltro a due passi dalla nostra sede di Corso Magenta”.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Castello in vendita a Terni

Oro e diamanti a tavola con Wice