Dal baluardo della lingerie di lusso La Perla a Huala Milano: la nuova sfida di Emiliano Rinaldi

L’ex direttore creativo de La Perla presenta il suo nuovo progetto: Huala Milano, connubio perfetto tra swimwear e high fashion

Firenze città d’arte e di moda

Pitti Uomo: realtà fashion consolidata

Firenze, giugno 2019. Anche quest’anno Pitti Uomo si è affacciato a Firenze. Una città che ha mantenuto inalterato il proprio fascino e lo splendore del passato. Un capoluogo incantevole che non smette mai di sorprendere, con i suoi capolavori d’arte, i marmi colorati delle chiese e le architetture che ne rievocano il fasto e il ruolo svolto nello sviluppo della cultura e dell’arte rinascimentale.

Per le vie fiorentine si respirava il travolgente evento fashion e lifestyle “Pitti Immagine” oramai arrivato alla sua novantaseiesima edizione. Manifestazione imperdibile per tutti i maggiori esponenti del fashion system internazionale. I più grandi della moda erano tutti presenti. Nessuno escluso. Quest’anno Luisa Via Roma, per l’occasione, ha sfilato con le top model più ambite del mondo per festeggiare i suoi 90 anni. Una passerella di “dee della bellezza” da lasciare senza fiato.

Gigi Hadid per Luisa Via Roma

Emiliano Rinaldi: direttore creativo d’eccellenza

Ad un evento così prestigioso non poteva certo mancare Emiliano Rinaldi, che vanta tra le sue più importanti collaborazioni anche quella con la stessa Luisa Via Roma. Una carriera nella moda d’eccellenza che lo vede protagonista come direttore creativo de La Perla, celeberrimo brand di lingerie di lusso, dal 2013 al 2015. Ha lavorato con le top model più iconiche di sempre: Naomi Campbell, Izabel Goulart, Natasha Poly, Cara Delevingne, Isabeli Fontana, Maria Carla Boscono, solo per citarne alcune. Inoltre tra le sue maggiori collaborazioni non possiamo non citare Yamamay, Lorrive, e il brand che prende ispirazione dal suo nome Emiliano Rinaldi.

Emiliano Rinaldi e Naomi Campbell

Sempre da protagonista, sempre con uno sguardo rivolto al futuro che lo contraddistingue. Aretino, colui che da l’imprinting alla collezione, esuberante ma determinato al tempo stesso, fiducioso verso il raggiungimento dei suoi obiettivi: “Mi fisso un’idea e mi immergo dentro di essa come se fossi in estasi”. Emiliano Rinaldi ha saputo congiungere l’ingegneria (visto che nasce come ingegnere e non come designer) alla creatività stilistica, unendo tecnica visionaria e talvolta una sana follia.

Maria Carla Boscono, Isabeli Fontana, Natasha Poly per La Perla, direttore creativo Emiliano Rinaldi

Huala Milano: una nuova scommessa

Sempre fedele alle sue origini toscane e alla sua inimitabile e amata Firenze dove vive tuttora. Ma nel suo cuore rimane sempre Arezzo: “Ringrazio la mia terra, dove sono nato e dove è nata la mia avventura”. Emiliano Rinaldi, oltre ad essere un grande creativo, è anche un grande amante delle sfide: ultima delle quali la scommessa con Huala Milano, ultimo brand sotto la sua direzione.

HUALA è un marchio di moda fondato per l’appunto dal creativo designer italiano Emiliano Rinaldi a Milano nel 2018. L’abbigliamento del marchio utilizza articoli stilizzati come l’uso di stampe personalizzate e si adatta perfettamente a lingerie, body e costumi da bagno che è possibile indossare ovunque. Un concept americano più che europeo. Per tutte quelle donne che amano osare con lo stile e con gli ultimi trend d’oltreoceano. Una realtà che sta raggiungendo anche l’Europa e di cui Huala è stata il primo precursore.

View this post on Instagram

Do u like Pop Corn? Thx @huala_milano 🖤🖤🖤

A post shared by VALENTINA BÌSSOLI (@valentina_bissoli_) on

I design HUALA sono il mix perfetto tra un’estetica atletica, di strada e una qualità tipica di un brand di alta moda. Sexy ma allo stesso tempo sportivo, sofisticato ma al contempo comodo e quotidiano. È il tipo di abbigliamento che tutti possono vestire ogni giorno, allontanandosi dalla mera Couture che non può essere indossata per le strade. L’obiettivo del marchio è quello di proporre delle donne che amano essere sportive, giovanili ma nello stesso tempo alla moda. Huala non ha una musa specifica, ama cambiare, in modo che tutti si sentano unici e in grado di poterla indossare.

Alta qualità ad un prezzo accessibile

Alta qualità ma con un prezzo accessibile a tutti. Sono stata personalmente nel loro Pop-up a Firenze nel mese di giugno. La location del negozio (per soli due giorni) era la hall del Cinema Odeon, in Piazza degli Strozzi, nel cuore del capoluogo fiorentino. I capi esposti, compresa la nuova collezione, erano a dir poco divini. Tessuti molto vari fra loro, dalle trasparenze ai tessuti tecnici, ma pur sempre di grande qualità stilistica. I look erano e sono molto diversificati, dagli abiti al beachwear, dal total black alle paillettes.

View this post on Instagram

HUALA 🖤 @biaseigal #hualamilano #ss20

A post shared by HUALA (@huala_milano) on

Capi che possono essere indossati in qualsiasi occasione, dalla passeggiata con le amiche all’evento di Gala elegante e raffinato. Una poliedricità che permette a Huala di essere un brand competitivo a 360 gradi. Sempre tutto diretto magistralmente da Emiliano Rinaldi, uno dei numeri uno in questo settore del Fashion industry da anni. E io non posso far altro che ammirare questo trionfo di creatività artistica che rende la moda una forma d’arte a tutti gli effetti. E Firenze, magnifica come sempre, ne fa da cornice.

Avatar

Scritto da valentinabissoli

casaFantini

CasaFantini / lake time, boutique hotel sul Lago d’Orta

Paola Turani e il suo matrimonio da favola: pienone di vip e lacrime

Paola Turani e il suo matrimonio da favola: pienone di vip e lacrime