Da Jennifer Lopez a Cindy Crawford: le star acqua e sapone durante la quarantena

Attraverso i social, le celebrità condividono numerosi post dove si mostrano al naturale senza filtri

Le star in quarantena intrattenendo i fan con concerti, workout, lezioni di cucina e molto altro, grazie alle Instagram stories. Ma la vera curiosità è che tutte le loro si mostrano per come sono, al naturale senza trucco, mostrando le micro imperfezioni oppure piccoli “difetti” che sul red carpet non si erano mai visti.

 #nomakeupmovement

La strada giusta intrapresa da numerose celebrità, a partire da Cindy Crawford è quella del meno trucco e più attenzione alla cura della pelle, aiutandola dall’interno anziché semplicemente coprirla (a partire dall’alimentazione, dal sonno e da cosmetici efficaci). Ci sono anche tante star che scelgono il #nomakeup per convinzioni più profonde, che non temono di essere paparazzate senza trucco e si mostrano anche sui social con foto “domestiche” nature o in occasioni ufficiali con senza fronzoli.

Far respirare la pelle fa bene

Se non trucchiamo la pelle per qualche giorno, abbiamo l’occasione (#Iorestocasa) di recuperare il sonno perduto. Quindi, laviamoci i capelli la sera e accantona i cosmetici per qualche giorno la settimana così permetteremo al nostro corpo di recuperare e riposarsi appieno, grazie alle ore extra passate a letto. Se dormire non è nelle nostre corde potresti possiamo allenarci a casa con dei semplici ma efficaci esercizi. Non è una cosa che siamo abituata a fare, come d’altronde le nostre amate celebrità, ma stare senza trucco fa bene al viso, perché i pori hanno la possibilità di respirare. Insomma, se Jennifer Lopez, Cindy Crawford, Julia Roberts, Sharon Stone, Michelle Pfeiffer e Heidi Klum hanno adottato questo metodo, perché non possiamo farlo anche noi?

Avatar

Written by chiaradinunzio

Chiara Ferragni e Fedez: attenzione ai “costi occulti” su GoFundMe

Coronavirus, morto il Principe Filippo? Il mistero di Buckingham Palace

Coronavirus, morto il Principe Filippo? Il mistero di Buckingham Palace