Sinuosa, trasparente, geometrica e agreste

Rivelate le quattro linee fondamentali della cucina dalla tecnologia invisibile secondo Alessi e A. Mendini.

Sinuosa, trasparente, geometrica o addirittura agreste: sono le quattro linee fondamentali della cucina Alessi, l’originale ambiente domestico creato da Alessandro Mendini. L’azienda, leder negli accessori d’arredamento, da sempre attenta al design e all’innovazione ha deciso che il tempo era maturo per ideare e realizzare il contenitore principale di quei tanti piccoli contenitori dei quali è composto il loro nutrito catalogo: gli arredi, le cappe, i rubinetti, le fonti di cottura.

I partner commerciali che hanno permesso la nascita della Cucina Alessi sono stati Valcucine per i mobili, Foster – per i lavelli, i piani cottura e le cappe – e la finlandese Oras per i mixer da cucina.

Le misure, i materiali, gli accorgimenti, i dettagli, gli accostamenti: tutto è stato meticolosamente studiato e declinato nelle quattro differenti versioni della cucina disegnata da Mendini , ciascuna con le sue varianti di piani speciali, colori, decori e apparecchiature. Un gioiello di arredamento che è al contempo un luogo e uno strumento articolato, piccolo o grande, elastico, più o meno complesso ed attrezzato, in linea, ad angolo o ad isola la nuova cucina si presenta come un ambiente tecnicamente ineccepibile ma senza ostentazione di tecnologia, affidando invece l’estetica a fattori più intimi ed evocativi, una istanza emotiva e poetica.

Una delle caratteristiche peculiari della Alessi oggi è proprio la capacità di conciliare le esigenze tipiche di un’industria in crescita con la tendenza – intellettuale e spirituale – a considerarsi più un laboratorio di ricerca nel campo delle arti applicate. La capacità di sperimentare l’ha portata, a partire dagli anni ottanta ad aprirsi anche a nuovi materiali e a nuove tecnologie: legno porcellana e ceramica, plastica vetro e cristallo, elettricità ed elettronica.

www.alessi.it

Avatar

Written by Redazione

Wellness anche d’estate

Per lui brividi da Formula 1