Cresce il turismo su misura

Aumentano in Italia i consulenti di viaggio
Per viaggiare gli italiani si affidano sempre di più ai consulenti di viaggio, professionisti del settore altamente qualificati che propongono itinerari su misura.

I consulenti incontrano i clienti a domicilio e sono inseriti in agenzie di viaggio di nuova generazione che puntano su viaggi tematici, vacanze esperienziali e viaggi di nozze.

Lo dimostra il caso di CartOrange, la più grande agenzia di viaggio italiana che si avvale di consulenti per viaggiare (ne conta oltre 400) e che dispone di svariate filiali sul territorio nazionale. Nata nel 1999, CartOrange è stata la prima realtà a introdurre in Italia il consulente di viaggio.

Nonostante la crisi del turismo, CartOrange fa segnare anche nell’ultimo esercizio (settembre 2013-agosto 2014) un aumento del 15% delle vendite rispetto all’anno precedente, registrando una crescita superiore al 70% nell’ultimo quinquennio. E per il 2014 cerca nuove figure da introdurre in azienda: 15 consulenti in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto; 10 consulenti in Lazio, Puglia, Campania, Toscana, Sicilia e 40 nel resto d’Italia.

Raffaella Bompani, la più brava tra i venditori CartOrange nel 2013, racconta quali sono i segreti per fare carriera in questo settore: “anzitutto è necessario un aggiornamento costante, che deve andare a braccetto con una grandissima passione. Quella del consulente di viaggio non è un’occupazione che si ferma alla mera vendita del viaggio o alla costruzione dell’itinerario: quello che rende bravi è essere sempre preparati. Chi viaggia oggi, usa internet per essere informato sulle destinazioni ed è importante non farsi cogliere impreparati. La Rete non è un concorrente, ma un alleato: offre aiuto al consulente, dando spunti o idee e permette molti contatti con la clientela”.

Ed ecco le parole di Gianpaolo Romano, amministratore delegato CartOrange: “in questi anni la gente non ha smesso di viaggiare, ma ha iniziato a farlo in modo diverso. Con internet, è diventato molto più semplice prenotare voli e hotel. Il valore aggiunto che può dare il turismo organizzato è quello del servizio: abbiamo cercato di proporre ai viaggiatori quello che la rete non può offrire. Utilizziamo internet come alleato nel nostro lavoro, ma il rapporto diretto con il cliente per noi è determinante: li incontriamo di persona, negli orari che sono più comodi, di solito la sera dopo il lavoro o in pausa pranzo. Insomma, cerchiamo di regalare un’esperienza d’acquisto e di viaggio in linea con le esigenze del cliente, cercando di venire incontro ai loro bisogni”.

Gianpaolo Romano

Written by Chiara

London Fashion Week PE 2015, giorno cinque

Toronto Film Festival 2014, i look più belli