Cos per la Serpentine Gallery, il party a Londra

Al via le Park NightsCome abbiamo visto, anche per il 2015, Cos continua la partnership con la Serpentine Gallery, sostenendo, per il terzo anno consecutivo, la serie delle Park Nights in programma da questo mese fino a settembre durante alcuni venerdì d’estate nel padiglione temporaneo che la prestigiosa galleria londinese commissiona a un archistar nei giardini londinesi di Kensington.

Queste serate proprio all’interno del Serpentine Gallery Pavilion progettato dal duo spagnolo Selgascano, esploreranno diverse discipline come la musica, la danza, l’arte e la letteratura; tra gli eventi confermati fino ad ora ci sono progetti di nuovi artisti come Jesse Darling, Fleur Melbourn, Christodoulos Panayiotou e Marianna Simnett.

Il brand del gruppo di H&M ha inaugurato le Park Nights con un party esclusivo a cui hanno partecipato tantissimi ospiti provenienti dal mondo dell’arte, del design e della moda, intervenuti per celebrare insieme a Marie Honda, Managing Director di Cos, Karin Gustafsson e Martin Andersson, stilisti della linea donna e uomo, questa importante collaborazione.

Cos per la Serpentine Gallery

“Cos è un brand che collabora costantemente con il mondo dell’arte e del design e, attraverso la partnership con la Serpentine Gallery, abbiamo la possibilità di supportare artisti giovani e talentuosi che si avvicinano al mondo dell’arte, architettura, danza, musica, cinema e poesia. Per noi osservare tutti gli artisti coinvolti durante le Park Nights ogni anno, è un’importante fonte d’ispirazione”, ha dichiarato Andersson.

La serata è stata animato da diversi musicisti inclusa una performance del duo di musica soul Lion Babe e dal DJ set by Man Like Me.

Tra gli ospiti intervenuti anche Hans Ulrich Obrist, Julia Peyton-Jones, Paloma Faith, Jessie Ware, Sam Rollinson, Charlotte Wiggins, Matilda Lowther, Matthew Stone, Jasmine Guinness, Bonnie Wright, Laura Jackson e Michael Horowitz.

Paloma Faith e Jessie Ware al party

Avatar

Written by Monica

Jennifer Lawrence, il tatuaggio è sbagliato

International Woolmark Prize 2015-2016, i vincitori europei