Console vintage, un design e un prezzo di lusso per giocare come una volta

Nel caso in cui la vostra infanzia si sia sviluppata prevalentemente tra gli anni ’80 e ’90, allora vi sarà sicuramente capitato di imbattervi in una delle numerose console lanciate in quell’epoca

Nel caso in cui la vostra infanzia si sia sviluppata prevalentemente tra anni Ottanta e anni Novanta, allora vi sarà sicuramente capitato di imbattervi in una delle numerose console che sono state lanciate in quell’epoca e che hanno fatto la storia dei videogiochi.

Stiamo facendo indubbiamente riferimento al Nes, al Commodore 64, ma anche a SNES e Sega: insomma, chi più ne ha più ne metta. Ebbene, sul mercato, nel corso degli ultimi anni, si sta affermando una nuova moda, che riguarda proprio il fatto di avere delle riproduzioni fedeli di modelli davvero storici. 

Anche i gamer più giovani sono molto attenti a tale trend, proprio con l’intento di conoscere meglio le console che hanno fatto la storia qualche decennio fa. Ciò a cui molto probabilmente sono molto meno attenti è sicuramente l’igiene in fatto di controller e console. Infatti, una ricerca che è stata realizzata da parte del blog L’insider, ha messo in evidenza come console e pc abbiano, nelle loro varie componenti, un livello di sporcizia e batteri impensabile. Lo studio portato a termine da parte del blog del casinò online di Betway ha messo in evidenza come la PlayStation sia, senza ombra di dubbio, la console più sporca, mentre la Nintendo Switch è quella che ha fatto rilevare il quantitativo di batteri più basso in media sulle sue componenti.

Le riproduzioni più costose: la Atari Flashback 8 Gold

Una delle console tipicamente vintage che è stata protagonista di questa tendenza tra gli appassionati di videogame è sicuramente la Atari Flashback 8 Gold. Stiamo parlando di una delle console dotate di maggior fascino, che trae ispirazione, come si può facilmente intuire, dalla storica Atari 2600, di cui è stata realizzata una replica alquanto fedele.

Qualche caratteristica? Il design vintage di questa Atari Flashback 8 Gold è veramente emozionante, con una tipica e celeberrima pulsantiera firmata Atari, ma anche con due joystick, che però sono wireless. Interessante anche la proposta del catalogo di giochi, visto che ne include ben 120. Tra gli altri, troviamo titoli del calibro di Asteroids, Space Attack, Combat e Tempest. Il prezzo? Oltre 130 euro.

Super Nintendo Classic Mini

Volete notizie su un prodotto sempre tipicamente vintage, ma che costa già molto di più? Allora il Super Nintendo Classic Mini è certamente ciò che fa al caso vostro. Anche Nintendo si è iscritta a questo trend piuttosto nostalgico e ha voluto togliere i veli a SNES, lanciandola sul mercato in una veste rinnovata, molto più compatta rispetto al passato, dotata pure di un cavo HDMI per il collegamento della console alla TV, senza dimenticare pure un cavetto usb che garantisce l’alimentazione e un catalogo di giochi che arriva a toccare la trentina di unità. Alcuni titoli? Non potevano proprio mancare i più famosi, tra cui Balloon Fight, Ice Climber, Donkey Kong e Super Mario Bros. Il prezzo? Stavolta c’è da sborsare fino a 220 euro.

Sega Mega Drive Mini

Il fenomeno del retrogaming sta avendo un forte esponente anche nella console Mega Drive Mini, una delle più apprezzate di questa operazione di mercato nostalgica. Il colosso nipponico ha scelto di lanciare nuovamente sul mercato un modello che ha fatto la storia dei videogiochi, a distanza di ben più di un trentennio dalla prima apparizione sul mercato. Il rapporto qualità-prezzo, anche in questo caso, è di tutto rispetto: infatti, con 180 euro si potranno portare a casa questa riproduzione della celebre console, con tanto di ben 42 giochi che sono stati preinstallati.

Written by Andrea Principe

Chi è Catherine Spaak: vita privata e carriera della nota attrice francese

Cartier apre a Torino un polo della gioielleria di lusso: 25 milioni di euro investiti