Colore e prêt-à-porter: i gioielli di Giuseppina Fermi

La designer piacentina crea pezzi unici fatti a mano, dalle scelte cromatiche alla moda e dalle forme morbide e irregolari che seguono le linee naturali di pietre e coralli

Se non vi accontentate di un semplice gioiello ma cercate un oggetto unico, fatto a mano, dalle linee particolari e dalla scelte cromatiche alla moda, potete rivolgervi a Giuseppina Fermi, che forte di una tradizione generazionale, crea gioielli personalizzati anche in sole 48 ore, assecondando i desideri più intimi delle committenti.

Con pietre dure, diamanti, perle, coralli, oro e argento la designer piacentina, seguendo la cultura orafa più antica, realizza gioielli che escono dagli schemi, tra reminiscenze della tradizione etrusca, echi orientali, suggestioni neo-classiche e gotiche, visioni di carattere rinascimentale.

I suoi pezzi unici sono veri e propri accessori moda, lontani dalla serialità delle normali collezioni di gioielli, grazie alla vestibilità prêt-à-porter e alla fantasia cromatica.

È il colore, infatti, il protagonista assoluto e prende la forma irregolare, talvolta di sapore etnico, delle pietre dure e dei coralli. Le conformazioni naturali delle pietre vengono rispettate e non forzate con le lavorazioni, per composizioni-gioiello che acquisiscono così conformazioni inusuali. È la natura stessa e la casualità di una forma particolare a suggerire alla designer l’idea per la realizzazione di collane, bracciali, orecchini e monili.

Luxgallery ha chiesto alla designer di parlare delle sue creazioni e del suo rapporto con la moda.

Leggi l’intervista a Giuseppina Fermi

Per informazioni:
Giuseppina Fermi Gioielli
Atelier e Boutique
Via S. Giovanni, 6 – 29100 Piacenza
Tel/fax 0523 33 77 85

Boutique Porto Rotondo – Piazzetta – tel/fax 0789 34 201
Boutique Zug (CH) – Poststrasse, 6 – tel +41 (0) 417120930

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Barcolana 2007

Pietre preziose e forme inusuali: intervista a Giuseppina Fermi