Colazione da Tiffany, ora è realtà: presentato a New York il Blue Box Cafe [Foto]

Colazione da Tiffany: provare le sensazioni di Audrey Hepburn al Blue Box Cafe di New York

Il sogno di Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany” – così come quello di tutte le fan della pellicola – è ora realtà. Tiffany & Co. ha infatti presentato il Blue Box Cafe, il primo concept store di ristorazione ideato dal prestigioso marchio. Situato al quarto piano del flagship store sulla Fifth Avenue di New York, il locale è arredato con dettagli d’arredamento che evocano il lusso e il concetto d’artigianato di Tiffany.

You can now have breakfast at Tiffany at The Blue Box Cafe. Visit our New York flagship store today.

Un post condiviso da Tiffany & Co. (@tiffanyandco) in data:

Ma non è tutto: collateralmente al Blue Box Cafe, Tiffany & Co. ha lanciato anche la sua nuova linea “Home & Accessories”, caratterizzata dalla ricerca del lusso anche nel quotidiano e nel compiere le azioni più comuni. “Sia la caffetteria che la riprogettazione del piano dedicato alla collezione Home & Accessories riflettono un’esperienza di lusso moderna. Lo spazio è sperimentale ed esperienziale, una finestra nel nuovo Tiffany” – ha dichiarato Reed Krakoff, capo ufficiale artistico Tiffany & Co.

Inutile dire che il Blue Box Cafe – così come tutto il rinnovato quarto piano – sono caratterizzati dall’iconico Tiffany Blue®. Il Blue Box Cafe serve classici americani realizzati con ingredienti di alta qualità e di provenienza regionale. Il raffinato menu – che cambierà e si evolverà in base alle stagioni – presenterà una selezione dei più celebri piatti di New York, reinventati per essere unici e in perfetto stile Tiffany.

Baby talk. Discover our new Home & Accessories collection at our New York flagship. #TiffanyEveryDay

Un post condiviso da Tiffany & Co. (@tiffanyandco) in data:

Written by Rebecca Fassone

Venere e Giove, appuntamento con il “bacio” tra pianeti: ecco come e quando vedere lo straordinario spettacolo

Mostre Roma, tra il Vittoriano e Palazzo Venezia al via “Voglia d’Italia”: il collezionismo tra Ottocento e Novecento