Clemente Russo, da Expo 2015 a Rio 2016

Il pugile campano si qualifica per le Olimpiadi
Se il 2 maggio 2015 la MGM Grand Garden Arena di Las Vegas ha ospitato un incontro di pugilato che passerà alla storia tra Floyd Mayweather Jr e il filippino Manny Pacquiao, l’11 luglio la grande boxe si è data appuntamento a Expo Milano 2015.

Alle 20.30 di sabato l’Arena Technogym ha ospitato il primo prestigioso evento sportivo dell’Esposizione Universale, trasmesso anche in mondovisione: la finale del torneo APB che ha visto sfidarsi 8 campioni di fama mondiale.

I primi a salire sul ring sono stati l’ucraino Roman Golovashchenko sconfitto dall’algerino Chouaib Bouloudinat, seguiti, alle ore 21.10, dall’Ambassador Clemente Russo che ha battuto in 8 round il kazako Anton Pinchuk mettendo in cassaforte la qualificazione olimpica a Rio 2016 (la quarta della sua vita) e la vittoria numero 200 in carriera.

Il pugile campano, medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 e Londra 2012 e medaglia d’oro ai Mondiali 2013, aveva già affrontato e battuto il kazako nella fase Pre-Ranking del torneo Aiba Pro Boxing.

Il terzo incontro ha visto trionfare il tedesco David Graf sul bulgaro Tervel Pulev e la serata sportiva è finita con la sfida tra il croato Marko Calic che si è imposto sull’argentino Yamil Peralta.

Clemente Russo vs Anton Pinchuk

Avatar

Written by Chiara

Emily Ratajkowski sexy a Positano

Dolce & Gabbana ripartono da Portofino