Citroën DS3 Cabrio

Salone di Parigi 2012
Mancano pochi giorni alla chiusura del Salone di Parigi 2012.

Citroën aggiunge alla storia della linea DS una nuova pagina, la DS3 Cabrio.
Si tratta di una vera DS3 con tutte le caratteristiche che ne hanno decretato il successo come lo stile deciso, la raffinatezza in ogni minimo dettaglio e il piacere di guida in tutte le situazioni.

Parliamo di una vettura dove il tetto decappottabile diventa un nuovo elemento di personalizzazione ulteriore oltre alla carrozzeria, alle conchiglie dei retrovisori e i cerchi. Tutto è ampiamente personalizzabile grazie a ben 9 proposte disponibili con i nomi di Urban Tribe, Vibe, Perle, Zebra, Map, Plane, Co Design, Flavio e Flower. Nel particolare segnaliamo il Blu Infini della tela del tetto che stupisce per la sua eleganza. L’effetto visivo si ottiene con la lavorazione di 3 fili di colore diverso, uno dei quali è lucido, qui ogni filo reagisce in modo diverso alle variazioni di luce e accentua il carattere unico di DS3 Cabrio.

Anche i fari posteriori sfoggiano una firma luminosa in tre dimensioni dalla tecnologia inedita grazie alla tecnologia 3D e LED e alle linee che ricordano il design dei fari posteriori dei concept car Revolte e Survolt.

Parlando di cabrio e di viaggi a cielo aperto, in caso d’improvvisa pioggia, il nuovo tetto della DS3 si chiude in soli 16 secondi e questa operazione è possibile fino a ben 120 Km/h. L’apertura e la chiusura del tetto in tela sono comandati da un pulsante nella console della plafoniera. Il comando permette di aprire il tetto secondo 3 posizioni, intermedia, apertura orizzontale e apertura totale.
Anche in posizione di apertura orizzontale, la tela si posiziona dietro ai passeggeri posteriori, lasciando totalmente libera la visuale. Questa struttura riesce a conservare l’abitabilità originale della berlina, infatti offre 5 posti veri e un bagagliaio dal volume più grande della categoria (245 L).

Citroën DS3 Cabrio

Marco Del Bo

Avatar

Written by Francesca

Jennifer Lopez in concerto

Ballo del Giglio, glamour a Firenze