Cindy Crawford: gli abiti più belli indossati dalla top model anni ‘90

È stata scoperta per caso dal fotografo di un giornale, che la notò appena sedicenne mentre d’estate lavorava cimando le pannocchie di mais, e le scattò alcune foto

“Non devo provare ad essere perfetta in tutto” Cindy Crawford

Cindy Crawford, all’anagrafe Cynthia Ann Crawford, nata a DeKalb, nello Stato dell’Illinois nel 1966, scoperta per caso, un fotografo le fece alcuni scatti che ebbero un grandissimo successo, tanto che la convinsero ad iniziare la carriera di modella.

L’inizio della carriera nel mondo della moda

“Stavano facendo una completa ripresa di spalle di me in costume da bagno e ho pensato, Oh mio Dio, devo essere davvero coraggiosa. Vedi, ogni donna odia se stessa da dietro.” Cindy Crawford

Nel 1989 Cindy Crawford firmò un contratto di 3 000 000 dollari per 3 anni con il colosso cosmetico Revlon. La top model è stata il volto di Revlon per 11 anni fino al 2000. Dal 1989 al 1995, Cindy fu anche conduttrice del programma di MTV House of Style. Nel 1992, in Norvegia, furono rimossi dei cartelloni con la sua immagine quando le autorità registrarono un incremento del 300% degli incidenti a causa delle distrazioni dei conducenti. La top model è alta 1,76 m, ha una figura snella e tonica, con occhi e capelli castani. Fu la prima a posare nuda per Playboy, la cui classifica delle cento donne più sexy del ventesimo secolo la vede quinta. È stata sulle copertine delle riviste più famose, come Vogue, W, People, ELLE, Allure. Nel 2002, Cindy fu definita da People una delle 50 donne più belle del mondo.

Perché è stata la prescelta

Il tratto distintivo di Cindy Crawford è un visibile neo marrone al lato sinistro della bocca, che è stato definito dalla maggior parte della gente un “marchio di bellezza”.

Gli abiti più belli indossati da Cindy Crawford

 

Avatar

Written by chiaradinunzio

Tigre Coronavirus: il primo animale al mondo positivo a New York

Coronavirus, John Taylor dei Duran Duran positivo: la sua storia COVID-19

Coronavirus, John Taylor dei Duran Duran positivo: la sua storia COVID-19