Christie Tyler for BEVZA: storie di donne che incantano Instagram e il fashion

Se esistesse una rubrica intitolata “di quale donna mi innamoro oggi?” non potrebbe che citarsi Christie Tyler. Vent’anni appena, studentessa newyorchese con un estro creativo non da poco. Chi non la conoscesse dovrebbe redimersi dai propri peccati e correre su Instagram per ammirare il suo seguitissimo profilo (quasi 306 mila adepti!). I social e il suo Blog rispondono al nome di NYC BAMBI e per gli amanti della poesia in foto, della moda e del lifestyle non potrà che essere una gioia per gli occhi e il cuore ammirarne i contenuti. Il Blog di Christie è interamente prodotto da lei, dalle foto alle massime: una ragazza davvero intraprendente, un po’ sognatrice e dal gusto di grandissima classe. Christie si racconta soffermandosi sulle proprie passioni: «Faccio tesoro di caffè, delle biciclette d’epoca, delle librerie nascoste, delle strade vuote ciottolate, di edera arrampicante contro gli appartamenti di New York, di vino, di formaggio e tè». Poesia.

View this post on Instagram

Fresh & clean 👼🏼 @iroparis pre spring

A post shared by Christie Tyler (@nycbambi) on

Quello di Christie è un blog poliedrico, le categorie riassumono tutto ciò che può essere amato: fashion, interiors, travel, art nyc. Travolgente, caldo e distensivo, il blog NYC BAMBI non affascina solo i social fan ma anche le maison e i brand di stilisti emergenti. La giovanissima studentessa si è fatta strada, in pochissimo tempo, nel mondo della moda e del lifestyle attirando l’attenzione di designer, affermati ed emergenti: quello che ci piace moltissimo? Christie attira griffe fresche, giovani esattamente come lei così, sbirciando sul suo profilo, si possono “rubare” parecchi spunti interessanti.

View this post on Instagram

As sparkly as it will get around here 👼🏼

A post shared by Christie Tyler (@nycbambi) on

Iro ParisLes Coyotes de Paris WOMENJH.ZANE, sono alcuni dei brand in ascesa che vestono Christie, ma non solo: Old Céline, Clohé, Loewe e Chanel sono i big che contribuiscono a conferire carattere e stile a NYC BAMBI.

Iro Paris Instagram
Iro Paris – Instagram

Quello che piace a noi è la sofisticazione nascosta dietro le decine di tonalità del crema che è ormai divenuta il marchio distintivo di Christie e quando ci si imbatte in una sua fotografia non si può che riconoscerla. I brand che la vestono e che lei stessa sponsorizza seguono le stesse linee classiche, eleganti, che non tramonteranno mai.

Les Coyotes de Paris WOMEN – Instagram

E come ogni artista che si rispetti anche tra l’archivio fotografico di Christie abbiamo trovato un pezzo che ci ha lasciati davvero senza fiato. Parliamo di perle, tante perle, magistralmente assemblate l’una con l’altra da sapienti mani artigiane. Il risultato è una delizia per gli occhi: parliamo dei corpetti di BEVZA.

«Non posso credere di avere questo pezzo nel mio guardaroba, anche se solo per la Fashion Week». E’ la didascalia che Christie scrive sotto questa foto dettaglio quasi degna dei chiaroscuri di Rembrandt. Alla guida del brand c’è un’altra donna, Svetlana Bevza, classe 1982, designer ucraina e particolarmente talentuosa. BEVZA è un marchio innovativo, un contenitore di idee di design, di alta moda, di amore per il bello. Svetlana consegue una doppia laurea: la prima alla National University of Trade and Economics e la seconda alla National University of Technologies and Design di Kyiv (Ucraina).

I riconoscimenti per il talento di Svetlana non tardano ad arrivare. E’ stata eletta migliore Best womenswear designer in Ukraine (national ukrainian fashion week award BFA) nel 2013; finalista del Vogue Talents international contest nonché Best womenswear designer in Ukraine nel 2018 (ELLE awards). Chapeau al genere femminile care lettrici, non trovate?

https://www.instagram.com/p/Brh-lZ3AGPf/

Jeanne Damas: quando l’imprenditoria femminile under trenta viaggia con passaporto parigino

Avatar

Scritto da Natalina Ginsburg

I look più belli della 61esima edizione dei Grammy Awards: le star illuminano il red carpet

Sei una shoes addicted? Quando le scarpe diventano un problema