Chopard, esempio di lusso sostenibile

Premiata da Fashion 4 Development

Fashion 4 Development, partner operativo delle Nazioni Unite (ONU), con lo scopo di promuovere iniziative charity legate al mondo della moda, ha omaggiato una maison del lusso che negli ultimi anni si è distinta per la sua anima green.

La settimana scorsa nello storico hotel The Pierre a New York, Caroline Scheufele, Direttore Creativo e Co-Presidente di Chopard è stata premiata dalla First Lady della Colombia, María Clemencia Rodríguez Múnera per il costante impegno del brand per il lusso etico e sostenibile.

Caroline Scheufele quest’anno ha infatti ricevuto il premio per il progetto di Chopard The Journey, un programma etico pluriennale che mira a includere pratiche ambientali, sociali ed etiche nella produzione della gioielleria e dell’’orologeria.

Come abbiamo visto per la realizzazione della Palma d’oro del Festival di Cannes, negli ultimi anni Chopard si è avvicinata all’ONG sudamericana ARM (Alliance for Responsible Mining) per aiutare le comunità minerarie dell’America Latina a ottenere il certificato Fairmined,che garantisce un rigido rispetto delle regole di sviluppo economico, sociale e ambientale in fase di estrazione e che permette alle miniere di essere presenti sul mercato in modo regolare e di beneficiare di un giusto prezzo di vendita dell’oro.

Il marchio di gioielli di lusso si impegna così ad agire a favore dei minatori, contribuendo a migliorarne le condizioni di vita garantendo loro la copertura sanitaria, l’accesso all’istruzione e alla formazione, e proteggendo al tempo stesso le loro risorse naturali e il loro habitat.

Presente al 4° Annual First Ladies Luncheon anche Franca Sozzani, Goodwill Ambassador per Fashion 4 Development e Livia Firth, moglie dell’attore premio Oscar e Direttore Creativo di Eco-Age, partner di Chopard nel progetto The Journey e The Green Carpet Collection.

Livia Firth, Franca Sozzani e Caroline Scheufele

Written by Monica

Matrimonio Clooney, Amal in Oscar de la Renta

Mode à Paris PE 2015, giorno sette